Attenzione agli scoppi dei palloncini per i bambini: l’allarme viene dal Canada

Secondo una ricerca canadese il rumore per lo scoppio di un palloncino può essere molto pericoloso per l’udito dei bambini.

Spesso non teniamo in considerazione che anche un palloncino possa essere pericoloso per l’udito di un bambino. Sul sacchetto per esempio leggiamo “questa borsa non è un giocattolo“, “pericolo di soffocamento“, oppure “per proteggere gli occhi da possibili danni, è raccomandato l’uso della pompa“. Non c’è alcuna raccomandazione sui rischi di uno scoppio improvviso; eppure, c’è una letteratura crescente sui possibili problemi causati da rumori senza preavviso come lo scoppio di un fucile.

In altre parole: mentre non si avrebbe alcuna difficoltà a immaginare che petardi e colpi di pistola possano essere potenzialmente pericolosi per l’udito, non si considerano mai i rischi di un’altra forma di rumore, considerato molto meno molesto, ovvero il palloncino scoppiato. In particolare, la ricerca condotta da Canadian Audiologist ha cercato di rispondere a tre domande:

  1. Quali sono i picchi di pressione sonora che fanno esplodere i palloncini?  
  2. Come possono essere comparati i livelli di pressione dei palloncini con altri rumori ad alta intensità?
  3. I livelli sono abbastanza intensi da giustificare preoccupazione  per potenziali danni all’udito a lungo termine?

Lo scoppio dei palloncini: ecco perché è pericoloso per l’udito 

Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito che 1,1 miliardi di bambini e adolescenti sono a rischio di perdita dell’udito a lungo termine a seguito di esposizione al rumore. Tra le cause citate ci sono:

  • impianti stereo /smartphone 
  • discoteche, bar ed eventi sportivi come i principali colpevoli.

Secondo i dati della National Health and Nutrition Examination negli Stati Uniti gli adolescenti che hanno perso l’udito sono aumentati del 5% da 1988 al 2006. Non è banale capire come mai questo incremento: una delle ragioni potrebbe essere l’esposizione a suoni legati al divertimento, come abbiamo già detto. Per esempio sul posto di lavoro c’è una maggiore comprensione (e accettazione) del rischio di perdita temporanea o permanente dell’udito a causa del rumore; i datori di lavoro per questo devono fornire da esempio delle protezioni sonore o esporre il lavoratore ad un periodo di tempo limitato.

Con queste premesse i ricercatori hanno deciso di determinare se ci fosse qualche motivo per essere preoccupati per i rischi potenziali associati ai palloncini che esplodono. In particolare, i palloncini producono un’onda di pressione acustica paragonabile ad altre esplosioni? E se è così, dovremmo essere preoccupati per i bambini che giocano con i palloncini?

I ricercatori hanno usato dei palloncini che poi sono stati fatti scoppiare a 4 distanze da un microfono:

  • 0 metri,
  • 0,5 metri,
  • 1 metro
  • e 2 metri.

Gli autori indossavano dei tappi industriali a protezione dell’udito.

La peggiore delle ipotesi è stata quando un palloncino è stato gonfiato fino alla rottura all’ingresso del microfono, quindi a zero metri. Questo sarebbe l’equivalente di una persona che soffia un palloncino fino a romperlo proprio accanto all’orecchio di un’altra persona. Il rumore è stato considerato superiore a quello di un fucile da caccia calibro 12.

E’ vero che i danni si possono riscontrare anche a distanza di anni, ma non bisogna sottovalutarli.

La ricerca insomma mira a cambiare le menti di adolescenti e adulti sulla protezione acustica, ma non solo: mira anche a cambiare la mentalità dei genitori e delle strutture che si occupano di bimbi piccoli, come gli asili e le scuole sull’impatto del rumore sull’udito.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta