Le regole del web: insegna a tuo figlio come tutelarsi mentre naviga

Il web, ragnatela affascinante e insidiosa: è compito dei genitori guidare i ragazzi per sfruttarla al meglio ed evitare inconvenienti spiacevoli.

Famiglia su un divano con un pc

L’invenzione più sconvolgente degli ultimi trent’anni è di sicuro il web, questa rete infinita che collega chiunque e in qualunque luogo della terra, esaudisce ogni curiosità, informa, diverte e intrattiene, ma che, per la vastità e per la mole di informazioni accessibili, può diventare insidiosa, soprattutto per i ragazzi.

E’ importante perciò farne un uso consapevole, poiché proprio di questo proprio si tratta: avere sì la possibilità e la capacità di utilizzare il mare di informazioni e di suggestioni offerte dalla rete, ma proteggendosi da ciò che è dannoso, e abbracciando ciò che invece è utile.

Per questo motivo è davvero importante che i bambini, prima, e i ragazzi, poi, siano guidati all’utilizzo graduale e ponderato di questo strumento.
Ecco quindi qualche regola utile ai genitori che cerchino di accompagnare i figli nell’intricato mondo del web:

  • prima di tutto è importante che l’utilizzo di internet avvenga, almeno per un primo periodo, e soprattutto nella fascia d’età che va dai dieci ai quindici anni, sotto il controllo dei genitori , i quali devono decidere gli orari, la quantità di tempo concessa e la posizione del computer, in un punto dell’abitazione in cui possano avere il controllo del tipo di navigazione del figlio/a. Quindi “no” al computer in camera, proprio per non lasciare i ragazzi da soli a fruire della rete;
  • servirsi dei filtri di sicurezza specifici, creati appositamente per bloccare informazioni o immagini inappropriate durante la navigazione;
  • controllare la cronologia delle visite per avere una panoramica dell’attività on- line dei ragazzi e intervenire in caso di bisogno
  • infine invitare i ragazzi a non divulgare informazioni personali, tramite la rete, e incoraggiarli ad un uso responsabile del web spiegando loro i rischi di una gestione superficiale delle informazioni o dei social network ( è il caso degli adolescenti), che va contro la tutela della loro stessa privacy.

Per i genitori dei più piccoli, che si avvicinano da poco alla navigazione può essere interessante decidere di condividere e spiegare le regole del web, in modo da avviarli da subito a una gestione autonoma e più consapevole della navigazione.

Il web è una ragnatela: insegniamo ai nostri ragazzi a non rimanere impigliati!

Firma: Gioia Salvatori

Notizie Correlate

Commenta