Ricercatrice italiana contesta la ministra Giannini: “l’Italia non ci vuole”

Roberta D’Alessandro è una ricercatrice che ha voluto ribattere alla ministra dell’Istruzione riguardo l’assegnazione di 2 milioni di borse di studio.

ricercatriceQualche giorno fa la ministra Giannini si è vantata del terzo posto dell’Italia per il numero di borse di studio ottenute dai ricercatori nostri connazionali, ma subito è arrivata la risposta di una di loro, Roberta D’Alessandro che, dalla sua pagina Facebook, ha messo in chiaro quale sia la situazione reale.

Roberta D’Alessandro, che vive e lavora in Olanda ha voluto sfogarsi sulla sua pagina indirizzandosi alla ministra dell’Istruzione che si vantata per il successo degli italiani in un prestigioso bando dell’European Reasearch Council.

Giannini aveva scritto che 30 nostri ricercatori su 302 avevano vinto fino a 2 milioni di borsa di studio, ma come apprenderete leggendo le parole di Roberta le cose non stanno davvero così.

Una ricercatrice ribatte alla ministra dell’Istruzione

Ecco cosa ha scritto la ricercatrice:

“Ministra, la prego di non vantarsi dei miei risultati.
La mia ERC e quella del collega Francesco Berto sono olandesi, non italiane. L’Italia non ci ha voluto, preferendoci, nei vari concorsi, persone che nella lista degli assegnatari dei fondi ERC non compaiono, né compariranno mai.
E così, io, Francesco e l’altra collega, Arianna Betti (che ha appena ottenuto 2 milioni di euro anche lei, da un altro ente), in 2 mesi abbiamo ottenuto 6 milioni di euro di fondi, che useremo in Olanda. L’Italia ne può evidentemente fare a meno.
Prima del colloquio per le selezioni finali dell’ERC, ero in sala d’aspetto con altri 3 italiani. Nessuno di noi lavorava in Italia. Immagino che qualcuno di loro ce l’abbia fatta, e sia compreso nella sua “lettura personale” della statistica.
Abbia almeno il garbo di non unire, al danno, la beffa, e di non appropriarsi di risultati che italiani non sono. Proprio come noi.
Vada a chiedere alla vincitrice del concorso per linguistica informatica al Politecnico di Milano (con dottorato in estetica, mentre io lavoravo in Microsoft), quante grant ha ottenuto. Vada a chiedere alle due vincitrici del concorso in linguistica inglese, senza dottorato, alla Statale di Milano, quanti fondi hanno ottenuto. Vada a chiedere alla vincitrice del concorso di linguistica inglese, specializzata in tedesco, che vinceva il concorso all’Aquila (mentre io lo vincevo a Cambridge, la settimana dopo) quanti fondi ha ottenuto.

Sono i fondi di queste persone che le permetto di contare, non i miei”.

graficoEffettivamente, guardando i risultati, solo 13 dei ricercatori rimarranno in Italia per sviluppare  i loro progetti.

Unimamme, solo poco tempo fa vi parlavamo della scarsità di risorse dedicate alla scuola e quindi all’educazione, alla crescita dei nostri bambini.

Per non parlare poi del fatto che gli investimenti italiani nel settore ricerca sono davvero esigui e certamente non permettono ai giovani scienziati di costruirsi un futuro nel nostro Paese.

Unimamme e voi cosa ne pensate? Appoggiate lo sfogo di Roberta?

 

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta