Riconoscere i volti: abilità acquisita o ereditata? Uno studio sui gemelli risponde

Uno studio sui gemelli suggerisce che l’incapacità di riconoscere un volto già visto sia principalmente ereditaria.

Sorelle gemelle giocano

Avete mai avuto la sensazione di non riuscire a identificare un volto che magari avevate già visto poco tempo prima?

Bene, ora la scienza ci dice che non è tutta colpa della nostra scarsa memoria, bensì, in gran parte dei geni che abbiamo ereditato.

La questione su cui hanno dibattuto finore gli esperti inoltre è se la capacità di riconoscere i volti sia innata nella natura umana e quindi si è evoluta nel corso dei secoli, oppure se possa essere legata, in qualche modo, all’abilità di ricordare gli oggetti.

Ma andiamo a vedere come si sono svolti gli esperimenti.

  • sono stati condotti test psicologici su 1000 coppie di gemelli nati tra il 1994 e il 1996
  • i gemelli sono stati messi alla prova facendo loro vedere fototessere di volti sconosciuti che avevano osservato poco prima
  • sono stati inoltre interrogati sulla capacità di riconoscere rapidamente le persone famose viste in uno show
  • è stata testata anche la capacità di distinguere le emozioni sui volti altrui, così come il linguaggio del corpo e la voce
  • infine è stata chiesto di identificare anche degli oggetti già visti, auto nello specifico.

Mettendo a confronto dei gemelli, che quindi condividono metà dei patrimonio genetico, gli scienziati hanno potuto determinare:

  • la misura in cui il riconoscimento facciale viene ereditato e quanto invece è un’abilità cognitiva sviluppata in autonomia

I risultati di questa indagine hanno riscontrato inoltre un legame tra:

  • l’abilità a riconoscere i volti e l’intelligenza sociale

C’è da aggiungere infine che, per fortuna, la completa impossibilità a riconoscere un volto, la c.d. “cecità facciale” affligge vittime di lesioni cerebrali.

Stabilito quindi che l’abilità di riconoscere i volti è:

  • una capacità distinta,
  • separata da quella di identificare oggetti,
  • ereditaria per il 60%

si può lavorare sul miglioramento delle proprie competenze a livello sociale.

E voi unimamme siete brave nel distinguere volti che avete già visto?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta