Rimane vedova e con 3 figli, pochi soldi, ma reagisce e realizza il suo sogno di ragazza

A volte le difficoltà delle vita ci mettono alla prova e Laura Treloar l’ha superata divenendo l’artista che aveva sempre voluto essere dopo la prematura morte del marito.


Unimamme, oggi vi presentiamo l’incredibile storia di una mamma, Laura Treloar chein un momento veramente drammatico, ha trovato la forza di risollevarsi.

Al college Laura era quella che si distingueva per il suo spirito artistico e pensava che, crescendo, avrebbe continuato a coltivarlo.

Approdata alla scuola di arte ha però subito ripiegato sulla University of British Columbia per prendere una laurea e diventare così insegnante.

Mentre si trovava vicino al campus dell’università ha incontrato quello che sarebbe diventato suo marito: Dave. Un anno dopo sono andati a convivere e Laura, ragazza punk rock si è trasformata in un’insegnante di educazione artistica di una scuola superiore.

Per 5 anni i due hanno dato asilo a cani e gatti abbandonati, ma arrivata al terzo gatto Laura ha capito di voler diventare madre.

L’impresa però non è stata semplice. Laura infatti ha avuto 3 aborti, alla fine però lei e Dave hanno avuto Austin, a cui sono seguito Michaelie e il piccolo Aiden. Con la famiglia al completo lei e Dave facevano fatica, con il loro stipendio da professori, a tirare la cinghia.


 

Così, per arrotondare, Laura si è dedicata alla realizzazione di gioielli, trovando in suo marito il suo più fervente fan.

La donna ha cominciato a vendere gli oggetti su Etsy, un popolare sito di e-commerce, ma mai avrebbe pensato che questa attività sarebbe diventata fondamentale per la sua famiglia.

In un tranquillo weekend in cui lei e suo marito si erano presi del tempo lontano dai figli Dave è morto improvvisamente.

 “Ricordo di essermi seduta vicino alla finestra, guardando fuori insieme a mia sorella mentre i bambini tornavano a casa e ho pensato che questa era l’ultima volta che avrebbero riso e che sarebbero stati felici per molto tempo. La loro vita stava per cambiare non appena varcata la soglia di casa” ha riferito Laura in un’intervista all’Huffington Post.

Laura ha trascorso le successive giornate come uno zombie domandandosi cosa ne sarebbe stato di lei e dei bambini.

“Io e Dave riuscivano a stento a provvedere a tutti e tre i nostri figli. Non posso farlo da sola” ha sbottato Laura col padre, che ha risposto “allora dovresti darli in affidamento“.


 

Questo è bastato per dare la scossa a Laura che, il giorno dopo, si è vestita e ha portato i piccoli a scuola.

“Ho sempre pensato a me stessa come una persona forte, controllata, perdere Dave mi ha fatto perdere il controllo e sono diventata ansiosa” ha spiegato Laura.

Laura ha ripreso il controllo mettendosi al lavoro sui gioielli e la sua attività su Etsy è letteralmente decollata, facendole guadagnare abbastanza per mantenere la sua famiglia.


 

Da 10 mila dollari al mese ora ne guadagna anche 20 mila.

Per me è molto importante essere collegata, in qualche modo, alla gioia di qualcuno” ha spiegato la donna che ora non deve più preoccuparsi delle rette scolastiche, di cibo, vestiti e tasse di successione sulla casa.

Sono diventata l’artista che avrei sempre voluto essere realizzando le mie creazioni e sostenendo così la mia famiglia. Sono davvero orgogliosa e anche Dave lo sarebbe” ha dichiarato infine Laura, la cui storia è contenuta in un libro in cui si narra la storia di 60 donne dal titolo “It Ain’t Over…Till It’s Over” (non è finita…finchè non è finita).

Unimamme e voi cosa ne pensate di questa splendida storia finita bene? Laura è stata capace di trovare in sé le risorse per reagire a una situazione drammatica, potrebbe di essere di esempio per chi vive una situazione simile.

 

Fonte: Huffington Post.com

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta