Se la mamma ha questa infezione in gravidanza aumenta il rischio di autismo

Uno studio ha analizzato la relazione tra un’infezione gestazionale e il rischio di autismo.

autismo

Unimamme, una nuova  ricerca ha scoperto un legame tra autismo e un infezione gestazionale.

Autismo ed herpes genitale: ecco cosa accade

Gli scienziati del Center for Infection and Immunity della Columbia University hanno individuato che le donne infettate con herpes genitale ai primi stadi della gravidanza hanno il doppio delle probabilità di partorire un bambino autistico.

Si tratta del primo studio a produrre un’evidenza immunologica sul ruolo di un’infezione gestazionale nei confronti dell’autismo.

Quindi, dopo i test, è stata riportata un’associazione tra gli anticorpi materni anti herpes virus-2 e il rischio di autismo.

I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sul Journal of the America Society for Microbiology.

Milada Mahic, ricercatrice a capo dello studio presso Center for Infection and Immunity and the Norwegian Institute of Public Health commenta così: “crediamo che la risposta immunitaria della mamma all’ HSV-2 potrebbe arrestare lo sviluppo del sistema nervoso fetale, aumentando il rischio di autismo”.

Secondo loro i risultati del neurosviluppo dipendono alla riattivazione dell’infezione nelle mamme con infiammazione in prossimità dell’utero.

Una mamma su 5, in America, ha il virus SVH-2 (l’herpes genitale), un’infezione altamente contagiosa e duratura che si trasmette con i rapporti sessuali.

Gli scienziati si sono concentrati su 5 agenti patogeni:

  • ToRCH agents (toxoplasma gondii),
  • rubella virus,
  • cytomegalovirus
  • e virus dell’herpes 1 e 2

la cui esposizione durante la gravidanza può causare:

  • aborto spontaneo
  • difetti di nascita

Ecco come si è svolta la ricerca nei particolari:

  • sono stati prelevati campioni di sangue da 412 mamme ai cui figli è stato diagnosticato l’autismo
  • e da 463 mamme con figli non autistici
  • i campioni sono stati prelevati in 2 momenti a 18 settimane di gravidanza e alla nascita e poi sono stati analizzati per i livelli di anticorpi a ciascuno degli agenti ToRCH

Quindi sono stati scoperti alti anticorpi all’HSV-2 verso altri agenti legati all’autismo.

I dati specchio di natura epidemiologica indicano che quella attivazione del sistema immunitario materno durante l’inizio o metà gravidanza è associata con problemi a lungo termine di sviluppo e comportamentali della prole.

  • il 13% delle mamme sono risultate positive per gli anticorpi anti HSV-2 a metà gravidanza
  • di queste solo il 12% hanno riportato di avere avuto lesioni da herpes genitale prima della gravidanza o durante il primo trimestre

Bisogna sottolineare che gli effetti degli anticorpi anti HSV-2 sul rischio di autismo sono stati riscontrati solo nei maschi. Bisogna però tener presente che il numero delle femmine coinvolte nella sperimentazione era basso e quindi non si possono fornire evidenze conclusive riguardo al sesso.

“Il nostro studio suggerisce che un’infiammazione e l’attivazione del sistema immunitario innalzino il rischio di autismo” dichiara John Snow, professore di epidemiologia alla Columbia e direttore del Center for Infection and Immunity.

Unimamme, cosa ne pensate di questi risultati?

Noi vi lasciamo con uno studio su come l’herpes causi l’infertilità nella donne.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta