“Sono stata chiamata Nutella e serva”: la video-denuncia di una bimba di 9 anni

Il video virale di una bambina di 9 anni vittima di bullismo ha fatto il giro del mondo ed è diventato virale per il messaggio.

Quando la famiglia Andrews si è trasferita dalla Georgia a Bellevue, Washington, lo scorso agosto, Chantey e Travis Andrews hanno incoraggiato i loro figli ad essere entusiasti di nuovi amici e esperienze. La loro figlia, Nasir, era ansiosa di fare amicizia quando ha iniziato la quarta elementare, ma presto l’entusiasmo si è trasformato in tristezza quando la bambina ha cominciato ad essere vittima di bullismo.

Bimba vittima di bullismo partecipa ad un video che diventa virale 


In un video virale che è stato visto un milione di volte, Nasir racconta la sua storia, scritta su dei fogli.

La madre che ha postato il video sul suo profilo Facebook, l’ha così introdotto: “Non avrei mai immaginato di essere dall’altra parte della camera per questo. Come genitore, mi fa male sapere che la mia bambina è stata bullizzata e a scuola. Per favore guardate, condividete e cambiate! ”

Nelle prime settimane abbiamo sentito Nasir dire che i bambini stavano scappava da lei e le davano degli appellativi durante l’intervallo“, ha detto Chantey Andrews, la madre, a TODAY.

Nel video Nasir chiede alle persone di aiutarla a far terminare il bullismo. “Il bullismo è reale,” si legge su un foglio. “Condividi la mia storia, aiuta a cambiare la fine“.

Dopo un intero anno scolastico costretta a subire atti bullismo, Nasir ha girato il video perché si sentiva impotente.

Fin dall’inizio, la famiglia Andrews ha parlato con la scuola sui problemi incontrati da Nasir. In origine, l’insegnante ha detto che Nasir, ha affrontato un problema comune, ovvero quello di trovare difficoltà a fare amicizia, visto che secondo il sito web della scuola , il 7% della popolazione scolastica è nera, il 36% asiatico, il 24% ispanico e il 26% bianco.

Era una nuova studentessa alla scuola e gli altri studenti avevano già formato rapporti negli anni precedenti. Era una persona completamente nuova che entrava nell’ambiente “, ha detto Chantey. Mentre Travis e Chantey incoraggiavano Nasir e rimaneva fiduciosa che la situazione sarebbe migliorata, in realtà le cose sono andate peggiorando.

“E ‘stato molto difficile”, ha detto Travis, il papà. “Non avrebbe pianto a scuola ed è tornata spesso a casa a piangere.

Mentre la famiglia Andrews continuava a contattare la scuola, il bullismo non si è fermato. Gli studenti hanno chiamato Nasir “Nutella” e “serva” e uno studente ha disegnato una pistola con scritto con “muori muori muori” e l’ha lasciata nel suo armadietto.

Quello che mi fa di più è stato quando mi hanno chiamato Nutella e quel disegno“, ha detto Nasir.

La scuola ha comunque continuato ad ignorare le comunicazioni dei genitori della bambina, dicendo che non si trattava di un problema di bullismo, ma di singoli individui. L’istituto ha poi dichiarato a TODAY:

“Siamo tristi dall’esperienza condivisa nel video di Facebook e siamo molto preoccupati per il benessere di tutti i nostri studenti. Possiamo assicurarvi che i dirigenti distrettuali e ufficiali continuano a lavorare con la famiglia per far sì che la loro figlia e gli studenti ricevano il supporto che necessitano. La molestia, l’intimidazione e il bullismo di uno studente sono inaccettabili. E’ in corso un’indagine sulle accuse“. 

I genitori hanno incoraggiato Nasir a entrare in un gruppo di girl scout e ha fatto amicizia, ma la bambina voleva creare un video sul bullismo affinché altre vittime non si sentissero sole.

Se non lo parlerete, peggiorerà, ha detto Nasir. “Sarà una situazione più grande da risolvere”.

Nasir spera che il video possa aiutare le altre vittime e ha dato origine ad un hashtag #backdownbully per incoraggiare la consapevolezza a questo grosso problema.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla della nuova legge antibullismo e in che cosa consiste. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta