Embrioni umani sani modificati geneticamente per combattere la sterilità

Uno studio sugli embrioni umani è oggetto di polemiche: è giusto modificare geneticamente embrioni sani?

embrioni

Gli scienziati proseguono i loro studi per indagare i processi riguardanti il concepimento e lo sviluppo degli embrioni.

Embrioni umani: uno studio controverso

Di recente, uno scienziato svedese ha dato il via a una controversa ricerca a questo proposito.

Studio

Fredrik Lanner è il primo scienziato a cercare di modificare i geni di embrioni umani sani. Fino a questo momento il tentativo era rimasto un tabù a causa delle sue connotazioni etiche.

Lanner sta quindi provando a modificare gli embrioni umani per conoscere meglio il modo in cui avviene lo sviluppo embrionale precoce.

Il suo scopo è quello di trovare nuovi modi per trattare l’infertilità e prevenire gli aborti spontanei. Lo scienziato spera anche di aiutare i colleghi studiando le cellule embrionali staminali che un giorno potrebbero aiutare a trattare molte malattie.

Questo studio, nonostante i suoi nobili intenti, non è esente da critiche. Qualcuno teme che il lavoro di Lanner apra la strada al tentativo di modificare geneticamente gli embrioni per produrre bambini.

Inoltre alcuni temono che cambiare il DNA negli embrioni umani potrebbe introdurre un nuovo tipo di malattia ereditaria.

Infine c’è chi paventa l’avvento di bambini fatti su misura secondo i desideri dei genitori.

Lanner però ribatte a queste critiche sostenendo che studierà le cellule solo nei primi 7 giorni di sviluppo senza lasciare che superino i 14 giorni.

“Avere figli è uno dei maggiori impulsi per molte persone, per le persone che faticano a concepire può diventare una parte estremamente importante della loro vita”.

Su Npr. ogr lo scienziato afferma: “se impariamo come queste prime cellule sono regolate nell’attuale embrione, questa conoscenza ci potrebbe aiutare a trattare paziente col diabete, col Parkinson, diversi tipi di cecità e altre malattie”.

Lo studio prevede di iniettare ognuna delle 4 cellule dell’embrione con uno strumento di ingegneria genetica mentre l’embrione viene tenuto sul posto con una bacchetta di vetro sottile.

Questa macchina consente di modificare il DNA effettuando quello che viene chiamato: il cambio di gioco.

Non è solo più veloce o economico. Tutto questo apre la porta a nuovi scenari, possiamo fare quello che non è mai stato fatto prima nell’embrione umano“.

Lanner intende eliminare una serie di geni che, in studi precedenti, ha individuato come cruciali nel percorso di sviluppo dell’embrione.

Si tratta, naturalmente, di un lavoro molto sperimentale, i cui risultati non sono certi.

Solo poco tempo fa gli scienziati cinesi avevano scatenato un putiferio annunciando di lavorare su embrioni difettosi che non avevano speranza di svilupparsi.

Come accennato, lavorare su embrioni umani è una faccenda controversa. Secondo Marcy Darkovsky di Center for Genetics & Society “la scelta di modificare embrioni umani è molto pericolosa, è un primo passo verso il tentativo di produrre esseri umani geneticamente modificati”.

Si tratta inoltre di cambiamenti permanenti e irreversibili” aggiunge.

“Se produrremo bambini geneticamente modificati è probabile che ci troveremo in un mondo in cui questi piccoli saranno ritenuti biologicamente superiori. Tutto ciò potrebbe portare a una serie di disastri sociali”.

Lanner però ribatte che la ricerca di base è necessaria e moralmente accettabile. Penso che sia saggio consentire la ricerca di base in modo da avere maggiori informazioni su questa tecnologia e i suoi potenziali usi per il futuro”.

Unimamme voi cosa ne pensate di questo tipo di ricerca? Anche in Gran Gretagna è stato dato l’ok alla ricerca sugli embrioni.

Voi vorreste questo anche in Italia?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta