Già a 5 anni i bambini sono a rischio suicidio: uno studio lancia l’allarme

Uno studio sensibilizza circa il pericolo di suicidio tra bambini molto piccoli.

suicidio infantileI genitori non dovrebbero occuparsi solo di una sana e robusta costituzione dei loro figli, ma anche della loro salute mentale.

Suicidio infantile: una ricerca

Un recente studio di cui si parla su Webmd sottolinea che anche i preadolescenti sarebbero a rischio di suicidio, persino i bambini molto piccoli. Vediamo insieme perché.

A lanciare il grido di allarme è il dottor Gregory Fritz, direttore della Division of Child and Adolescent Psychiatry presso la Brown University. “Gli adulti devono capire che persino bimbi di 5 anni possono uccidersi”.

I risultati stessi dello studio dimostrano però che si tratta di casi rari:

  • i bimbi tra 5 e 7 anni hanno un tasso di suicidio dello 0,17 su 100 mila bambini
  • gli adolescenti invece  hanno un tasso di 5,18 su 1000 mila

Solitamente gli specialisti pensano che sia impossibile che i piccoli si possano suicidare perché non possono essere senza speranza come si pensa che debbano essere per compiere un gesto simile, non hanno la percezione del tempo o la comprensione della morte permanente”.

Questo nuovo studio ha scoperto però che anche i bambini possono suicidarsi.

“Accade, non tutti i giorni, ma non con la scarsa frequenza a cui solitamente si pensa. Dobbiamo guardare in faccia la realtà. Gli adulti devono prendere i bambini sul serio quando si parla di suicidio”.

Questo nuovo studio prende ispirazione da una precedente ricerca secondo la quale tra il 1993 e il 2012 si è registrato un incremento di suicidi tra i giovani di colore e una diminuzione invece di quelli dei ragazzini bianchi.

Ecco come si è svolta l’indagine:

  • sono state considerate le statistiche di suicidi in 17 Stati americani
  • i dati risalivano al periodo tra il 2003 e il 2012
  • i bambini considerati erano tra i 5 e gli 11 anni, e tra i 12 e i 14
  • 87 bambini (l’85% maschi )  tra i 5 e gli 11 anni sono morti per suicidio
  • 606 ragazzi (70% maschi) tra i 12 e 14 si sono suicidati

Il professor Sheftall sottolinea che i bambini delle elementari che si suicidano sono più inclini ad avere problemi di relazione coi loro famigliari, mentre gli adolescenti hanno problemi con il fidanzato o la fidanzata.

Quasi 4 dei 10 suicidi che riguardano bambini tra 5 e 11 anni erano neri, per la maggior parte maschi.

1/3 delle vittime di suicidio ha problemi mentali, con disturbo da deficit dell’attenzione/ iperattività.

Questo tipo di disturbo può rendere le persone impulsive.

Sempre Sheftall aggiunge: “questo suggerisce che i bambini che si suicidano siano più vulnerabili, come un gruppo di persone che risponde impulsivamente alle sfide personali“. Lo studioso però è cauto nell’affermare che l’ADHD possa indurre al suicidio.

Da parte sua Fritz riconosce che aiutare i figli così piccoli può essere molto difficile perché i loro pensieri cambiano velocemente. “Un giorno pensano al suicidio e il giorno dopo non ci pensano più”.

A ogni modo tra i bambini più grandi con problemi mentali la depressione colpisce il 66% di loro.

La ricerca ha stabilito che:

  • soffocamento
  • strangolamento

sono i metodi più usati.

L’esperto consiglia ai genitori di affrontare in modo diretto questo argomento se ritengono che ci sia un pericolo concreto.

Il fatto di sollevare l’argomento non li spinge a commettere suicidio.

Fritz incoraggia i genitori a chiedere ai figli riguardo il suicidio se mostrano problemi di comportamento, mostrano segnali di infelicità o comportamenti impulsivi.

Secondo lui bisognerebbe chiedere direttamente: “lo stai facendo per far del male a te stesso? Desideri non essere vivo? Le cose vanno così male che desidereresti morire?”

Unimamme, voi cosa ne pensate dei risultati di questo studio?

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta