Un barbiere trova il modo di tagliare i capelli a bambino autistico (FOTO)

Un barbiere, dopo mesi di tentativi , trova il modo di tagliare i capelli a un bambino autistico.

Abbiamo più volte parlato di autismo , riportando ricerche e storie, ribadendo la necessità di conoscere meglio tale disturbo per poter interagire ed aiutare i ragazzi che ne sono affetti a relazionarsi con il mondo che li circonda.

James Williams è un barbiere gallese, e da mesi stava tentando di tagliare i capelli a Mason, un bambino che soffre di autismo.

Il piccolo non ne voleva proprio sapere di farsi sistemare il taglio, ma James ha avuto la giusta intuizione: si è  sdraiato sul pavimento accanto a Mason, e il piccolo si è  lasciato tagliare i capelli senza provare nessun fastidio.

image

James ha dimostrato con un gesto, apparenteme semplice, che esiste una forma di comunicazione non verbale che crea emozione e condivisione, con i bambini che soffrono.

Ogni volta che provava ad avvicinarsi con le forbici e il pettine nelle mani, Mason cominciava a scappare per tutto il salone di bellezza, senza dare alcuna possibilta al barbiere. Ma James non ha mollato e, per molti mesi, ha provato con vari tentativi, fino a trovare quello giusto.

Ha lasciato giocare il piccolo, senza disturbarlo, sdraiato a terra e dopo qualche minuto si e avvicinato in silenzio e con calma olimpica gli ha tagliato i capelli. La madre di Mason e rimasta senza parole e felice di vedere suo figlio che si apriva al mondo, lasciandosi sistemare i capelli da James.

Il giovane coiffeur è rimasto entusiasta del risultato ottenuto e ha chiesto ai genitori di Mason l’autorizzazione per pubblicare la storia sui social network e la storia e diventata virale, trovando l’entusiamo di molti genitori che hanno figli con le stesse problematiche di Mason.

Una realtà difficile quella dell’autismo, ma dove gesti, apparentemente piccoli, da parte degli altri possono renderla meravigliosa nella sua drammaticita.

James ha scritto: “Negli ultimi mesi ho provato qualsiasi cosa pur di riuscire nell’intento, ma avvicinarsi a Mason era veramente impossibile. Quando tutto sembrava perduto, mi sono seduto a terra vicino a lui in silenzio e in quel momento ho capito che mi dava il permesso di tagliargli i capelli. Adoro vedere i genitori del piccolo Mason contenti delle attenzioni che rivolgo al piccolo. Ma la cosa piu bella e stata quando gli ho chiesto il cinque e lui invece si e gettato tra le mie braccia“.

Una storia emozionante a cui non servono ulteriori commenti. Che ne pensate cari Unigentori?

Firma: Davide Testa

Notizie Correlate

Commenta