“Una App gratuita ha salvato la vita di mia figlia”: l’appello di una mamma

La storia di una mamma che è riuscita a salvare la figlia non ancora nata grazie a una App.

Unimamme, oggi vi parliamo di uno strumento che potrebbe salvare la vita dei vostri bimbi mentre sono ancora in pancia monitorando i loro movimenti fetali.

Ha tenuto il conto dei movimenti fetali grazie a una App gratuita

Molti genitori scaricano diverse App per aiutarli con la gestione della gravidanza, così ha fatto anche la mamma Emily Eekhoff scoprendo poi che questo strumento era in grado di salvare la vita della figlia.

Emily usava frequentemente Count the Kicks, una App che tiene traccia dei movimenti dei bambini quando sono ancora nel grembo materno.

Sapevo quanto mia figlia si muovesse durante il giorno grazie a questa App, un giorno mi sono accorta che i calci non si verificavano con la stessa solita frequenza e che quando si muoveva erano molto soffici non forti come di norma” ha raccontato la donna.

Preoccupata, la donna si è recata presso il Mercy Medical Center di Des Moines, negli USA. Lì gli esami hanno mostrato che la piccina era in difficoltà e ad Emily è stato praticato un cesareo d’urgenza.

Sapevamo che la bambina era in difficoltà e abbiamo avvertito l’ostetrica in carica e l’abbiamo avvisata di far nascere la piccola, hanno trovato il cordone ombelicale avvolto intorno al collo per tre volte. Molto probabilmente alla bimba non restava ancora molto”.

La figlia di Emily, Ruby, è nata alla 33° settimana ed è rimasta per 10 giorni nel reparto di rianimazione neonatale.

I medici stessi hanno riferito alla donna che se avesse tardato un giorno in più sarebbe stato fatale.

“La App mi ha aiutato a conoscere il ritmo dei movimenti, quindi quando questo è cambiato ho capito che c’era qualcosa che non andava e questo le ha salvato la vita. Se non avessi saputo a che ritmo scalciava avrebbe potuto essere troppo tardi”.

Questa mamma spera inviti altre donne a imparare dalla loro esperienza e ascoltino attentamente il loro corpo.

“Devono essere consapevoli del loro corpo e del bambino, essere attente e così quando qualcosa cambia possono ricevere aiuto prima che sia troppo tardi”.

Count the Kicks, la App che ha salvato la vita a Ruby è stata creata nel 2009 da 5 mamme dell’Iowa che avevano perso una figlia ancora in grembo o poco dopo la nascita.

“Il nostro scopo è di aumentare la consapevolezza e prevenire la nascita di bimbi morti attraverso il patrocinio e la prevenzione” dichiara Kerry Biondi-Morlan, una delle fondatrici, su Who TV.

Gli studi hanno dimostrato che contare contare i movimenti fetali nel terzo trimestre ha il potenziale di ridurre il tasso di bimbi nati morti” aggiunge un’altra fondatrice, Kate Safris.

A quanto pare grazie a questa App in Iowa il tasso di nati morti è diminuito del 26%. Ora le mamme stanno estendendo la campagna a livello nazionale. Se avranno lo stesso successo riusciranno a salvare più di 6 mila bambini ogni anno.

Nello stesso anno le donne hanno creato Healthy Birth Day, un’organizzazione no profit che aiuta a trovare fondi per diffondere il messaggio di Count the Kicks.

Emily Price, direttore esecutivo di entrambe le organizzazioni suggerisce che ogni mamma dovrebbe contare in quanto tempo il piccolo raggiunge 10 calci, movimenti, rotolamenti e colpi.

Se l’ammontare del tempo con cui raggiunge 10 movimenti varia significativamente bisognerebbe contattare il medico perché può voler dire che c’è qualcosa di sbagliato.

Noi siamo molto felici che Count the Kicks abbia aiutato a salvare Ruby. Quando le mamme hanno Count the Kicks tra le loro mani possiedono uno strumento salvavita. Siamo grati al Mercy Medical Center e al dottor Neil Mandsager per aver detto alle mamme quanto sia importante contare i calci. Sono alleati potenti nel salvare la vita dei bambini”.

Da parte sua Emily Eekhoff  ringrazia sentitamente chi ha inventato l’App che le ha consentito di salvare la figlia “sono grata per aver ottenuto qualcosa dalla loro perdita, per aver salvato mia figlia perché non so se sarei stata in grado di coglierla se non avessi usato la App. Loro ringraziano e sono grati, io altrettanto. Quindi penso che abbiamo un legame dal momento che loro hanno avuto un grande impatto sulla mia vita” ha dichiarato su ABC News.

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda?

Noi vi lasciamo con la storia di un’altra bambina salvata da una campagna, questa volta inglese, di prevenzione.

E voi conoscevate questa possibilità?

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta