“Ecco com’è la guerra in Siria”: bambina di 7 anni seguita da 360 mila persone

Bana Alabed, una bambina siriana di 7 anni è stata inclusa nelle 25 personalità più influenti sul web dal Time.

Ogni anno il Time stila la classifica delle personalità più influenti sul web, ci sono personaggi come Donald Trump, J.K. Rowling, la pop star Rihanna e Kim Kardashian. Tra di loro, quest’anno, spicca il nome di una bimba di 7 anni.

Bana Alabed: ha solo 7 anni ma è seguita da 360 mila persone

Bana Alabed è una bambina di origine siriana che ha raccontato la tragedia della guerra in Siria  dal suo account Twitter da cui la seguono 360 mila seguaci.

“Mi chiamo Bana, ho sette anni e parlo al mondo in diretta da Aleppo Est”, scriveva Bana in uno dei suoi cinguettii che hanno tenuti incollati allo schermo migliaia di persone a partire dal settembre scorso.

In 140 caratteri la bimba ha descritto com’è la vita quotidiana sotto le bombe di Aleppo arricchendo l’account con foto e video.

“Non posso uscire di casa perché ci stanno bombardando. Per favore, fateli smettere” e, ancora, “Vorrei vivere come gli altri bambini, ma mi sento inquieta. Aleppo è una gran bella città ma abbiamo bisogno di pace”.

La sua influenza sui social è cresciuta a tal punto che Time ha deciso di includerla tra le 25 personalità più importanti su Twitter.

Con lei tra varie persone anche il Presidente degli Stati Uniti d’America e a Donald Trump la piccola siriana aveva rivolto un accorato appello, tempo fa: “Signor presidente, lei deve fare qualcosa per i bambini siriani perché loro sono come i vostri figli e meritano la pace proprio come voi”.

Le bombe cadono adesso come pioggia, i miei fratelli sono molto spaventati e io non voglio questo” scriveva la bambina, che adesso ha trovato rifugio in Siria con tutta la sua famiglia.

“Quando una bambina di sette anni twitta che ha paura di morire sotto le bombe, il mondo non può che prenderne nota” ha dichiarato il giornale americano Time, spiegando così la sua scelta.

Di recente la piccola ha firmato un libro con la casa editrice Simon & Schuster.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questo riconoscimento? Conoscevate questa bambina?

Vi lasciamo con la cronaca dell’attacco con armi chimiche in Siria.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta