Una mamma e un papà hanno trascorso 18 giorni con il figlio neonato morto FOTO

Una famiglia ha subito un terribile lutto ma ha ricevuto un po’ di sollievo grazie a un dispositivo speciale.

Perdere un figlio è forse l’avvenimento più devastante per un genitore, per questo tutto ciò che può alleviare un po’ il loro dolore è bene accetto.

Una famiglia in lutto viene aiutata

La mamma ventisettenne Laura Elliot e suo marito Mark hanno dovuto fronteggiare la più ardua delle esperienze per un genitore, quando hanno notato che il loro bimbo, il piccolo Cowen aveva chiazze e punture da spillo su tutto il corpo.

I due genitori sono corsi subito in ospedale e lì hanno ricevuto un’agghiacciante notizia: il loro bimbo aveva contratto una meningite e setticemia da meningococco.

Il piccino, che pesava meno di 4 kg., è morto nel giro di poche ore.

In seguito l’agenzia di pompe funebri che avevano contattato ha fornito loro un “lettino per le coccole” refrigerato in modo da poter dire addio al figlio in modo appropriato.

In questo modo i genitori hanno potuto legare con il loro bambino prima del funerale.

Laura ha potuto far visita al figlio ogni giorno per 18 giorni in una stanza privata presso le pompe funebri.

Poteva tenere in braccio il figlio, baciarlo e coccolarlo quanto voleva.

“Ha permesso a me e alla mia famiglia di legare con Cowen, di dirgli addio e di elaborare il lutto in modo appropriato” ha dichiarato la mamma del piccino.

Mi svegliavo e mi recavo subito nel salotto dell’agenzia di pompe funebri quando apriva alle 9.15 e stavo con lui tutto il giorno”.

“Era in stanza da solo ed era bello poterci andare ogni volte che volevamo, potevamo tirarlo su, tenerlo in braccio, coccolarlo e baciarlo, era come se fosse ancora con noi”.

Il papà e la mamma di Cowen erano sul punto di portare a casa il figlioletto nel lettino speciale, ma non sapevano come avrebbero reagito gli altri due figli, ancora piccoli. Oltretutto sarebbe stato ancora più difficile sostituirlo.

La Central England Co-operative Funeralcare è la prima agenzia di pompe funebri inglese a fornire questo servizio.

“Penso che uno strumento di questo tipo sia di importanza vitale per dei genitori che hanno perso un figlio. Ho potuto visitare Cowen tutti i giorni, per quanto volevo, finché non lo abbiamo deposto a riposare come gli altri membri della famiglia”.

Laura sottolinea che il lettino per coccole ha dato conforto alla sua famiglia.

“Questo è il motivo per cui sto effettuando una raccolta fondi per procurarne uno per il Royal Derby Hospital in modo che se un’altra famiglia si trovasse nelle nostre stesse circostanze potrebbe dire addio al figlio in modo appropriato”.

“L’uso del lettino potrebbe non andare bene per tutti ma era ciò di cui io avevo bisogno e intendo legare con mio figlio e dirgli addio” ha dichiarato la donna su Metro “non dimenticherò mai di aver avuto l’opportunità di farlo”.

Laura vorrebbe anche diffondere consapevolezza sulla setticemia meningococcica che si presenta con febbre, affaticamento, vomito, forti dolori, respirazione affannosa, diarrea e macchie viola scuro.

Unimamme, voi pensate che un lettino simile sia utile in casi come quello di questa famiglia?

Vi lasciamo con la storia di una famiglia che ha trascorso 2 settimane con il figlio nato morto.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta