“Mamma puoi farmi 2 pranzi oggi?” le chiede il figlio e il motivo è toccante

Un ragazzino di 14 anni, grazie alla mamma, ha compiuto un bellissimo gesto di solidarietà.

2-pranzi-2Care unimamme, ci sono storie che meritano di essere raccontate e questa è una di queste.

Josette Duran è una mamma molto attenta e generosa che ha saputo dare il buon esempio al suo bambino.

Un bambino compie un atto di gentilezza con l’aiuto della mamma

Dall’inizio della scuola il figlio di Josette, Dylan di 14 anni ha chiesto alla sua mamma di preparare due pacchetti per il pranzo da portare a scuola.

La prima volta che il figlio le ha fatto una richiesta simile la donna gli ha chiesto il motivo e lo ha scritto sul suo profilo Facebook.

“Dylan: mamma puoi farmi due pranzi oggi?

Io: non stai mangiando abbastanza?

Dylan: sì mamma, è per questo bimbo. Lui mangia solo una coppa di frutta per pranzo puoi preparare il pranzo anche per lui?  Non penso che abbia soldi per il pranzo.

Sono così orgogliosa del cuore di mio figlio! E’ così gentile.”

E così Josette ha continuato a preparare due pacchetti per il pranzo per un mese. Solo successivamente ha saputo che la mamma dell’amico del figlio era una mamma single che aveva perso il lavoro.

“Questo mi ha colpita perché qualche anni fa io e mio figlio siamo rimasti senza casa, vivevamo in macchina e lo lavavo nei bagni pubblici. E non avevamo cibo”.

Poco dopo la mamma del bimbo ha scoperto quello che stava facendo Josette e ha chiesto un incontro con lei a scuola, offrendole dei soldi.

14358895_10206742705149106_8129395471352280674_n-600x472

“So che non è molto ma ho trovato un lavoro e so che stai nutrendo mio figlio” ha dichiarato la donna.

mamma-orgogliosa-dettaglioJosette non ha accettato e ha deciso di raccogliere dei fondi, per un totale di 400 dollari con la squadra di pallavolo che allena.

Successivamente la scuola è riuscita a passare il pranzo al ragazzo e quindi Josette ha potuto smettere.

dylan-e-josetteIntervista da Today ha dichiarato: ” Sono stata senzatetto alcuni anni fa. So quanto è dura chiedere aiuto. Ti vergogni e ti senti in imbarazzo, e non volevamo che nessuno sapesse cosa ci stava accadendo“.

Questa mamma spera che il risalto che ha avuto la sua storia possa ispirare qualcuno ad offrire una mano a qualcun’altro. Non deve essere un pranzo, può essere anche solo un “ciao” o aprire una porta. Un atto di gentilezza ogni qual volta è possibile.

 

Unimamme, voi cosa ne pensate del bellissimo gesto di questa mamma e della sua storia?

Noi vi lasciamo con la storia di un nonno che ha fatto una donazione importante per l’ospedale che ha curato il nipote.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta