Una mamma che dopo 16 aborti spontanei perde la figlia lancia un’allerta (FOTO)

Una mamma per creare maggiore consapevolezza racconta la storia della sua bambina morta improvvisamente.

pay-pa-real-life-lizzie-allen-daughter-fleur-rose-died-of-meningitis-after-6-hours

Unimamme oggi vogliamo raccontarvi una storia che potrebbe aiutare tanti genitori ad essere maggiormente consapevoli riguardo alcune malattie.

Una mamma che ha perso la figlia mette in allerta i genitori

Lizzie Allen è una mamma trentaduenne che ha superato 16 aborti spontanei per dare finalmente alla luce una bambina: la piccola Fleur-Rose.

Fleur era nata prematura di due mesi dopo una gravidanza molto difficile, ma la sua vita era trascorsa tranquilla fino a quando ha compiuto 15 mesi e, un giorno, si è svegliata con un po’ di febbre.

La sua mamma ha pensato che si trattasse di un virus e le ha dato un po’ d’acqua e un antidolorifico. Purtroppo però si trattava di un problema molto più grave.

La mamma ricorda che la bimba si è svegliata piangendo, un evento inusuale perché di solito Fleur-Rose era sempre allegra. “Era uno spirito impudente, simpatico, si comportava bene”.

Successivamente la piccola ha avuto le convulsioni per la febbre. Mentre la trasportavano con urgenza in ospedale le hanno misurato la temperatura e aveva 39°.

“Lei scivolava dentro e fuori lo stato di incoscienza anche se le convulsioni erano cessate. Quando siamo arrivati sembrava essersi ripresa un po’”.

Fleur aveva iniziato anche a giocare, ma a un certo punto ha vomitato. Il suo livello di ossigeno però rimaneva al 100%.

Gli esami non mostravano segnali di allarme, ma la piccolo continuava a non voler mangiare.

“Sembrava in salute, beveva…” aggiunge la mamma ricordando che, a un certo punto, pensava di cercare di farle mangiare qualcosa.

pa-real-life-lizzie-allen-daughter-fleur-rose-died-of-meningitis-after-6-hours

Proprio mentre le davano un po’ di purè la sua mamma ha notato una macchia sul collo che sembrava espandersi a vista d’occhio.

Ho gridato a Matt di correre a chiamare un’infermiera”.

Poco dopo però la macchia era scomparsa ed era rimasto solo un piccolo graffio.

Mentre le facevano altre analisi Fleur ha iniziato a piangere. Nel frattempo i medici hanno informato i genitori che si trattava di meningite e che avrebbero somministrato alla piccola le cure appropriate.

“Per me è stato terribile”.

Lizzie ricorda anche che la figlia si è deteriorata lentamente sotto i loro occhi. Lo sfogo che aveva notato la donna è tornato dai piedi alla testa.

Fleur ha avuto 4 arresti cardiaci.

“Fleur-Rose era una bimba in salute, camminava e rideva fino al giorno prima della sua morte” ha raccontato la donna al Mirror.

“Alle 13 del giorno in cui l’abbiamo persa lei sedeva sulle ginocchia del papà ridendo”.

“Alle 18 veniva condotta in ospedale, nel reparto di rianimazione e alle 23.04 veniva dichiarata morta”.

“La mia preziosissima bambina è morta”.

pay-pa-real-life-lizzie-allen-daughter-fleur-rose-died-of-meningitis-after-6-hours-1

Fleur-Rose aveva la meningite.

Ora la sua mamma desidera diffondere maggior consapevolezza nei confronti di questa malattia. “Tutti cercano lo sfogo ma quello si sviluppa dopo”.

Purtroppo sua figlia era troppo piccola per dire esattamente come stesse.

Lizzie auspica che tutti i ragazzi che entrano in ospedale con i sintomi di sua figlia vengano controllati per la meningite.

“La vita di un bimbo non è una lotteria”.

Lizzie ha anche raccolto 12 mila sterline da donare a un’associazione che combatte la meningite in ricordo della figlia.

“Mi ricordo che quando sono uscita dall’ospedale dopo 16 aborti spontanei con lei in braccio mi sono finalmente sentita una mamma. E adesso lei se n’è andata e mi ha spezzato il cuore”.

“Non voglio che altri bambini muoiano come è accaduto a lei, non voglio che altri genitori soffrano come me”.

Noi vi lasciamo con una rivoluzionaria scoperta sulla meningite che potrebbe salvare molte vite.

Voi unimamme cosa ne pensate delle parole di questa mamma?

Si tratta di una storia triste, è vero, ma che potrebbe sicuramente aiutare qualche altra mamma o papà.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta