Under 30: ecco le professioni più redditizie

Il mestiere del bancario, tanto ambito negli anni ’70-’80, rimane sempre il meglio retribuito e più desiderato tra i giovani Under 30. Scopriamo quali risultano essere poi le altre professioni più redditizie.

lavoro in bancaI dati di disoccupazione giovanile sono sempre più preoccupanti, secondo gli ultimi resoconti Istat i giovani senza lavoro sono il 42%, in pratica circa 700mila persone e i giovani sotto i 30 anni che lavorano percepiscono uno stipendio medio di circa 1000 euro. Per tutti costoro, grazie al bonus voluto dal neo Governo Renzi, la busta paga, da oggi in poi, potrà essere più ricca di 80 euro.

Ma esistono delle professioni che garantiscono uno stipendio più elevato tra gli under 30? Secondo un’analisi condotta dall’Ufficio studi della CGIA (Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato) esistono dei privilegiati tra i giovani lavoratori che riescono a raggiungere uno stipendio mensile un pò più alto.

I lavori meglio retribuiti

Ecco quali sono i lavori meglio pagati nel 2013 secondo la CGIA che ha preso in esame solo i lavoratori dipendenti under 30 che risultano essere circa 2 milioni e 300 mila, tralasciando anche le eventuali tredicesime, quattordicesime e via dicendo:

  • bancari e assicuratori – stipendio medio di 1.426,00 euro
  • autisti di macchine per movimento terra e muletti – stipendio medio di 1.230,00 euro
  • personale dell’esercito – stipendio medio di 1.207,00 euro.

Il presidente della CGIA Giuseppe Bortolussi, riguardo a i bancari, primi classificati tra le professioni più retribuite, dichiaraNegli anni ’70 e ’80 è stato il sogno di intere generazioni di giovani. Successivamente, questo impiego ha perso un po’ di appeal anche perché sono venuti meno molti benefit. Ora, guardando il livello retributivo medio, un posto di lavoro in banca è diventato il più attrattivo dal punto di vista economico, anche se rispetto ad un tempo perfino gli istituti di credito non sono più in grado di garantire il posto fisso a vita”, e conclude aggiungendo “Oltre a ciò le professioni di carattere tecnico/professionale ad alta specializzazione hanno scalato molte posizioni in classifica. Nonostante la crisi e il forte aumento della disoccupazione giovanile, non sono poche le imprese che ancora adesso faticano a trovare del personale con un sufficiente livello di preparazione”.

I lavori peggio retribuiti

Ma quali sono i lavori meno retribuiti? Eccoli:

  • addetti alle pulizie – paga media mensile di 721,00 euro,
  • baby sitter – paga media mensile di 717,00 euro,
  • massaggiatori ed estetisti – paga media mensile di 705,00 euro,
  • colf – paga media mensile di 559,00 euro,

questi mestieri, spesso, nascondono anche un brutto lato nascosto, ovvero che in busta paga, laddove presente, risulti un importo (quello minimo sindacale) mentre nelle tasche degli interessati entri una cifra di gran lunga inferiore.

Sempre il presidente Bortolussi, sostiene “Va precisato che in queste attività sono molto diffusi i contratti part time e l’apprendistato che contribuiscono notevolmente ad abbassare la media retributiva”.

Ecco nel dettaglio la classifica delle professioni più retribuite.

lavori under 30

E voi care e sempre obiettive unimamme cosa ne pensate di questa classifica?

È giusto che chi lavora tanto come gli addetti alle pulizie o le colf percepiscano uno stipendio così tanto inferiore rispetto a coloro che svolgono un lavoro “di concetto”?

Se vi va fateci sapere cosa ne pensate.

Firma: Francesca Nicoletti

Notizie Correlate

Commenta