18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO
18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO

18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO

Una ragazza 18enne è stata violentata e poi uccisa qualche anno fa. Adesso una sentenza ha scagionato due uomini per un cavillo giudiziario. 

18enne violentata
18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO – Universomamma.it

Un terribile omicidio è quello che è avvenuto all’inizio del 2018. Una ragazza di appena 18 anni è stata uccisa e fatta a pezzi a Macerata. Lei si chiama Pamela Mastropietro ed era scappata poco prima dalla comunità per tossicodipendenti dove era ospite da tre mesi, a Corridonia (Macerata). Con se ha portato due valigie di colore blu e rosso. Verrà ritrovata cadavere in quelle stesse valigie due giorni dopo. Per l’omicidio è stato condannato  Innocent Oseghale condannato all’ergastolo e senza attenuanti. La 18enne avrebbe minacciato di denunciare Oseghale dopo il rapporto sessuale ed il 30enne l’avrebbe accoltellata per impedirle di andarsene dalla casa.

LEGGI ANCHE —> UCCISA AL NONO MESE DI GRAVIDANZA: NEGATO RISARCIMENTO ALLA FAMIGLIA

18enne violentata: archiviate le indagini su due uomini

Pamela appena scappata dalla comunità sarebbe stata abusata da due uomini che invece di aiutare una ragazza hanno approfittato della sua situazione. Nel gli inquirenti avevano identificato un 50enne di Mogliano che aveva dato un passaggio in auto alla ragazza ed un tassista di origini argentine che l’avrebbe ospitata a casa sua la notte del 29 gennaio, il giorno prima del suo omicidio. I due erano accusati di aver avuto rapporti sessuali con la ragazza approfittando del suo “evidente stato di difficoltà” e di “minorata difesa“. Ad oggi è arrivata la sentenza; la Procura di Macerata ha archiviato le indagini su due uomini. Lo zio della ragazza ed avvocato della famiglia, Marco Valerio Verni ha raccontato all’Adnkronos : “Sostanzialmente la motivazione è il difetto di querela che, essendo maggiorenne, solo Pamela avrebbe dovuto presentare. Nessun altro, né l’amministratore di sostegno, né la nonna o un eventuale curatore speciale, avrebbe potuto farlo se non lei stessa, uccisa però in via Spalato il giorno dopo la violenza“.

18enne violentata
18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO – Universomamma.it

Un’errore giudiziario che deve essere corrotto per l’avvocato: “Eravamo preparati a questo esito. Purtroppo, anche con riguardo a questa vicenda, la storia di mia nipote ha dimostrato di essere uno sfortunatissimo “unicum”. Quante volte capita che una persona, vittima di un presunto reato, muoia il giorno successivo, per altri fatti ancora, senza aver avuto né il tempo né il modo di sporgere la relativa querela? Tra l’altro il giudice delle indagini preliminari non sembra aver affatto escluso che Pamela, quel 29 gennaio, potesse essere in condizioni di inferiorità psichica e che queste potessero essere riconoscibili da chiunque avesse avuto un approccio con lei, ma ha respinto l’ipotesi che la stessa Pamela potesse trovarsi in uno stato tale da configurare il presupposto per una eventuale omissione di soccorso che avrebbe, invece, nella nostra ottica, potuto permettere di superare l’ostacolo tecnico riguardante il difetto di querela per la violenza sessuale“.

LEGGI ANCHE —> LE ULTIME TELEFONATE DI ALEXANDRA: LA 15ENNE UCCISA AVEVA CERCATO AIUTO

18enne violentata

18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO – Universomamma.itL’avvocato fa un appello affinchè la triste storia della nipote possa essere utile per altri casi: “Rivolgiamo un appello a tutte le forze politiche, affinché, nelle opportune sedi, si colmi questo vuoto, di modo che, nella malaugurata ipotesi dovesse ripresentarsi un episodio simile, non venga negata ai familiari la possibilità di adire autonomamente le vie giudiziarie, per indagare fino in fondo l’eventuale commissione di un reato così grave ai danni di un loro caro. Un caso difficilissimo da replicarsi, fortunatamente, ma che è capitato e che, dunque, deve servire in qualche modo da “leading case” nell’ottica della futura produzione normativa, affinché non accada ad altri. Che la vicenda di Pamela serva anche a questo“.

Voi unimamme eravate a conoscenza di questo terribile omicidio? Cosa ne pensate della sentenza?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

18enne violentata
18enne violentata e poi uccisa: archiviate le accuse per due uomini | FOTO – Universomamma.it