bambina di 3 anni violentata
fonte: iStock

Una bimba di 3 anni è stata violentata da un ventiduenne.

Sabato scorso, a Brescia, è emerso un caso di violenza sessuale verso una piccolina di 3 anni compiuto da un pedofilo ventiduenne.

Bambina di 3 anni violentata in casa

Lo stupro sulla bimba si è compiuto nell’appartamento di due venditori ambulanti di origine nigeriana che ospitavano un cugino.

La mamma della bimba era fuori casa, nell’appartamento c’erano però il padre della piccola con i tre figli: due maschietti di 6 e 1 anno e la vittima. Da un paio di mesi la coppia, come accennato, ospitava un cugino che, quel giorno, aveva invitato un amico, il ventiduenne.

Ad un certo punto, mentre stavano guardando la televisione il pedofilo si è appartato in una stanza con la bambina. Successivamente lei è uscita piangendo e urlando, ma in quel momento il padre non ha considerato preoccupante l’accaduto.

Al momento di andare a dormire la piccola ha confessato, in lacrime, alla mamma che l’aveva accompagnata in bagno, di avere le parti intime doloranti.

Il papà ha chiamato subito il 112 denunciando l’accaduto.

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Brescia sono accorsi immediatamente. Le forze dell’ordine, guidate dal tenente Pietro Calabrò, hanno scortato la bimba in ospedale, ricevendo conferma che le lesioni erano recenti.

I militari si sono mobilitati subito per rintracciare il pedofilo ventiduenne che era scappato dal Cie di Nuoro e aveva trovato rifugio presso la sorella a Castagnato.

Il giovane si è quindi barricato in casa, ubriaco. Quando sono arrivati i carabinieri ha sferrato calci e pugni.

Il gip ha successivamente confermato il fermo e disposto la permanenza in carcere. L’accusa è quella pesantissima di violenza sessuale su una bambina.

Unimamme, una storia assurda quella pubblicata su Il Giorno ma che come abbiamo già detto non possiamo non raccontare per rompere il muro del silenzio…

LEGGI ANCHE —- > Pedofilia e pedopornografia in aumento: i dati shock del Report Meter