Una bimba di 9 anni, Alivia, è morta per salvare i suoi fratellini.

In America è severamente vietato superare uno scuolabus che sosta con le luci lampeggianti accese, ma questo è stato ignorato da una ventiquattrenne, Alyssa Shepherd, provocando una tragedia.

La ragazza non si era accorta che tre alunni erano scesi dal pulmino e quando ha provato a superarlo li ha centrati in pieno, uccidendoli.

Le vittime sono: Alivia, una bambina di 9 anni e due gemelli: Xzavier e Mason, fratelli gemelli di 6 anni. Insieme a loro un altro piccolo è rimasto gravemente ferito.

Dalla ricostruzione dell’incidente emerge però che Alivia abbia cercato di salvare i fratelli mettendosi davanti a loro.

“Alivia era come una mamma chioccia per loro. Pare che avesse capito cosa stava accadendo e abbia agito da eroina. Anche se non è riuscita a salvare i suoi fratelli per noi resta un’eroina” dichiara Elgein Ingle, zio dei bimbi morti.

Persino diversi poliziotti accorsi sul luogo dell’incidente, si sono commossi.

“I genitori dei bimbi sono distrutti, non rivedranno più i loro bambini” ha dichiarato “la figlia sopravvissuta non ha più fratelli e la mamma ha dovuto correre per tentare di soccorere i figli mentre giacevano senza vita per terra”.

Il sergente  Tony Slocum dell’Indiana State Police’s Peru District ha dichiarato: “non riesco a immaginare il dolore che la famiglia sta affrontando. L’unica cosa che mi sento di dire alle persone è che abbiamo tutti la responsabilità di affrontare la strada in maniera sicura. Non so perché sia avvenuto questo incidente, perché questa persona non ha visto il segnale di stop ma tutti noi dobbiamo prestare più attenzione perché è nostra responsabilità il fatto che che i bambini vadano e tornino da scuola in sicurezza”.

Unimamme, cosa ne pensate di quanto accaduto e riportato su Nbc Chicago?

Noi vi lasciamo con la vicenda di un bimbo eroe che ha salvato la sua mamma.