Home Mamma & Co. Accade nel mondo Bambini e rischio soffocamento: il racconto toccante di una madre

Bambini e rischio soffocamento: il racconto toccante di una madre

CONDIVIDI

Bambini e rischio soffocamento: una mamma ha condiviso la terribile esperienza che ha avuto con sua figlia, per fortuna a lieto fine. 

Kahla Hilton è una mamma di 37 anni con tre figli. L’ultima, Lukah è ancora molto piccola, ma rischiava che un incidente compromettesse la sua piccola vita. A raccontarlo è proprio mamma Kahla su Facebook, parlando dell’uomo che ha salvato sua figlia come colui al quale deve tutto. Ecco quello che è successo.

Bambini e rischio soffocamento: attenzione alle collanine per i dentini 

Kahla ha parlato di quella che doveva essere una giornata normale e che invece avrebbe potuto trasformarsi in un incubo:

Non avevo intenzione di postare su questo, ma come madre, zia e amica di molte persone con bambini, sentivo di avere un obbligo.

Ieri ho avuto un’esperienza che definisco la più spaventosa della mia vita. E ‘ una lunga storia, una corsa selvaggia, ma se riesci a resistere fino alla fine ti prometto che ha un bel finale.

Ero fuori a pranzo con una ragazza, avevamo appena ordinato ed eravamo sedute, parlando come di solito. Avevo Lukah nel suo passeggino accanto a me e stava masticando una fetta biscottata felicemente. O almeno cos’ pensavo.

rischio di soffocamento collana denti

Mi sono girata per vederla e ho notato che aveva qualcosa in bocca, e all’inizio pensavo che fosse la fine della sua collanina per i dentini, che spesso mastica… finché non mi sono ricordato che non aveva indossata la catena. Circa un secondo dopo mi sono resa conto che c’era una perlina della sua collana per i dentini, che è rimasta appesa per mesi sulla sua carrozzina per fargliela masticare. Le ho messo un dito sul lato della bocca e ho fatto uscire la perlina, e poi ho visto che aveva un’altra perlina lì dentro, a metà della gola. Ho iniziato a farmi prendere dal panico, stava soffocando e mi sono bloccata.

Mentre passava dal rosa, al rosso, al blu, ho urlato con tutti i polmoni che avevo perché qualcuno mi aiutasse. La gente si è precipitata da ogni direzione del bar e un paio di loro hanno cercato di aiutare. Il proprietario del bar ha chiamato i servizi d’emergenza mentre io continuo a urlare come una pazza. La mia bambina stava per morire, non riuscivo a pensare a altro.

Le mie urla rumorose hanno attirato l’attenzione delle persone in tutto il centro commerciale, incluso un uomo, che ha attraversato il parcheggio, si è buttato dalla finestra aperta, ha raccolto Lukah e l’ha messa in posizione verso il basso e le ha dato dei colpi alla schiena in quello che sembrava mezzo secondo
Quest’uomo era un ex militare e ha salvato la vita alla mia bambina. Gli devo tutto.

Abbiamo passato il resto della giornata in ospedale. Abbiamo fatto i raggi X e check up in abbondanza. Non eravamo sicuri da che parte fosse la perlina, quindi dovevamo essere certi.

Lukah si è svegliata nel suo solito umore felice oggi, io non ho ancora dormito. Sono paranoica. Non riesco a togliermi l’immagine dalla testa. E non riesco a smettere di pensare che se quell’uomo non fosse stato lì sarebbe stato molto peggio. E ‘ davvero un supereroe.

Non dò la colpa a nessuno per questo. Per niente. Ma voglio prendermi a schiaffi per aver messo così tanta fiducia in un pezzo di corda.

MAI PIU‘.

Se avete mai acquistato uno di questi prodotti, avrete notato che tutti parlano delle procedure di sicurezza che sono state messe, e che sono lì per far sentire a proprio agio i genitori, ma se si legge oltre, si noterà che nella maggior parte dei casi c’è anche un disclaimer: nessuna responsabilità verrà presa in caso di lesioni o morte.

La morte!!!

Prima di avere un feedback negativo come mamma ho cresciuto 2 adolescenti senza incidenti. E io sono sicuramente una madre  attenta. Chi mi conosce può confermarlo.

Ho allegato un paio di foto che includono 2 prodotti fatti con queste perline. Ho offuscato la faccia di Lukahs, perché se pensi che condividere questo post con i tuoi amici possa essere utile, non esitare a farlo.

In questo caso, siamo stati fortunati. Lukah aveva sicuramente un angelo custode che la guardava ieri. Avrei odiato sentir parlare di questo, soprattutto se il risultato sarebbe stato peggiore. State attenti. Sbarazzatevi di loro, o controllateli se volete continuare ad usarli.

** Edit – ho frequentato un corso di primo soccorso per bambini qualche settimana fa, e in questo caso non sono stato in grado di aiutare mia figlia con quello che ho imparato in quel corso **

** Edit – Ho ricevuto un bel po ‘ di critiche dai piccoli imprenditori da quando ho pubblicato questo. Non posso costringere la gente a smettere di comprare questi prodotti, e non era mia intenzione. Se trovate un’azienda che segue gli standard di sicurezza e siete a tuo agio a comprare da loro, allora questa è la scelta dei genitori. Ho condiviso la mia storia in modo che la mia coscienza non si sentisse colpevole se qualcun altro fosse stato colpito da uno di questi prodotti **

E voi unimamme lo sapevate? Sareste state in grado di intervenire?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di soffocamento nei bambini: le regole da seguire per un pasto sicuro.