streisand su pedofilia Jackson
fonte: web

Barbra Streisenda, la nota attrice e cantante, si scusa con le vittime di Michael Jackson.

Unimamme, qualche giorno fa vi avevamo parlato di come il documentario Leaving Neverland, che rinnova le accuse di pedofilia verso Jacko, stia facendo discutere.

Barbra Streisand su Leaving Neverland

michael jackson nuovo documentarioCome accennavamo moltissime persone si sono dette pro o contro il documentario, l’attrice e cantante Barbra Streisand è stata tra di loro.

In un’intervista al Times, l’attrice ha commentato: “I suoi bisogni sessuali erano i suoi bisogni sessuali, causati da qualunque infanzia avesse avuto o dal suo DNA“.

Bisogna chiarire però che la Streisand ha sempre sostenuto la testimonianza dei due, ora adulti, protagonisti del documentario.

Nonostante questo, l’attrice ha dichiarato: “Assolutamente sì, ma i bambini erano entusiasti di trovarsi lì. Tra l’altro entrambi si sono sposati e hanno avuto figli: non li ha uccisi».

Poi ha aggiunto: “Io sto male per ciò che hanno vissuto quei ragazzi, ma sto male anche per Michael”.

Subito è arrivato il commento del regista del documentario, Dan Reed: “Barbra Straisand ha detto davvero quelle cose? La pedofilia è tollerata in una parte dell’industria dello spettacolo?“.

Travolta dalla bufera scaturita dalle sue affermazioni, che certamente assumono un peso ancora maggiore dal fatto di essere un personaggio pubblico molto in vista, la Streisand ha cercato di aggiustare un po’ il tiro. “Per essere chiari, non c’è situazione o circostanza dove è ok che un adulto se ne approfitti di bambini innocenti. e storie che questi uomini hanno condiviso con noi sono dolorose anche solo da ascoltare, e provo compassione per loro”.

“Il più importante lavoro di un genitore è quello di proteggere i propri figli. È stato chiaro che i genitori di questi ragazzi sono stati vittime anche loro perché sedotti dalla fama e dalle fantasie. Sono profondamente dispiaciuta se le mie parole, che avrei potuto scegliere con più cura, hanno causato dolore, perché le parole stampate sul giornale non riflettono i miei sentimenti. Non volevo sottovalutare il dramma che questi ragazzi hanno vissuto. Come tutti i sopravvissuti di violenza sessuale, dovranno portare questo dolore per sempre con loro. Provo un forte rimorso per quello che ho detto, e spero che James e Wade sappiano che li rispetto e ammiro profondamente per aver raccontato la verità”.

Unimamme, cosa ne pensate delle parole e della successiva ritrattazione della Streisand riportate sul Times?

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore