bologna children's bookfair

Dal 26 al 29 marzo nella città emiliana c’è Bologna Children’s Book Fair che quest’anno compie 55 anni; la fiera dedicata all’editoria per bambini e ragazzi avrà un ospite d’onore, ovvero la Cina. 

I libri – e non solo – permettono ai bambini di imparare moltissimo, fin da quando sono piccolissimi. Non a caso, se l’editoria è in crisi, non lo è il settore dedicato all’infanzia e ai ragazzi. Sono infatti loro i lettori forti, secondo una ricerca presentata a Tempo di Libri condotta dall’Osservatorio Associazione Italiana Editori:

  • quasi 7 bambini su 10, il 69% fra 0 e 13enni, apprezzano i libri.
  • 82%  nei 12 mesi precedenti hanno sfogliato un albo illustrato, letto un libro di carta o tattile, un ebook, un audiolibro o usato un’app a contenuto editoriale.
  • 65% sono i ragazzi tra i 14- 15 anni che invece leggono un libro. 

Bologna Children’s Book Fair: tutti gli appuntamenti

bologna child book fair
child flying on the book

Da 55 anni la Bologna Children’s Book Fair appunto il riferimento per editori, autori, illustratori, agenti letterari, insegnanti, distributori, traduttori e per tutti coloro che lavorano nel mondo dell’editoria rivolta ai più piccoli.

Con 110 espositori in più rispetto al 2017 – quest’anno sono quasi 1400 – e i 77 Paesi rappresentati, l’edizione di quest’anno si preannuncia particolarmente ricca, con almeno 250 workshop per gli esperti del settore.

Non solo libri, ma anche prodotti digitali, altro elemento importante che serve a coinvolgere i bambini che possono apprendere per esempio nozioni di pittura, scrittura, matematica. Dal digital publishing, alle app, all’animazione e licensing, quest’anno l’attenzione è dedicata ad un ospite d’onore: la Cina.

E’ infatti l’illustrazione cinese la protagonista speciale principale di quest’anno con 150 originali di 30 illustratori, oltre 100 espositori e 3000 titoli tra narrativa, fumetti, libri dedicati alla lettura tra genitori e figli, fino ai manuali per imparare la lingua.  Saranno presenti celebri autori cinesi per ragazzi come Cao Wenxuan, vincitore del Christian Andersen Award.

La fiera di Bologna – vincitrice del prestigioso premio americano The Carle Honors istituito dallo scrittore per l’infanzia Eric Carle – ha raggiunto il prestigio internazionale co- organizzando altre due fiere,  la New York Rights Fair (Nyrf, dal 30 maggio al 1° giugno) e la Shanghai International Children’s Book Fair (Ccbf, dal 9 all’11 novembre).

Un respiro internazionale che si può vedere anche nel programma di eventi: la storica Mostra Internazionale degli Illustratori (catalogo Illustrators Annual, edito da Corraini) e due esposizioni di autori stranieri pluripremiati: Manuel Marsol (Premio Internazionale d’Illustrazione Bologna Children’s Book Fair – Fundación SM 2017), e Ludwig Volbeda (Grand Prix Biennial di Bratislava 2017).

Verranno celebrati poi il novantesimo compleanno di una delle grandi firme del fumetto italiano, Mino Milani, e il 65° anniversario del premio The “New York Times” Best Illustrated Children’s Books Award, oltre alla consegna dell’Astrid Lindgren Memorial. 

La fiera è anche un’occasione per i giovani illustratori di  incontrare i professionisti del settore e chiedere consiglio. D’altronde con i suoi 26mila visitatori all’anno, la Fiera è uno degli appuntamenti imperdibili per chi vuole fare questo mestiere.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di come crescere da bambini in mezzo ai libri migliora il lavoro da adulti.