Home Mamma & Co. Accade nel mondo “Cosa è normale?”: le parole di una mamma dopo la morte del...

“Cosa è normale?”: le parole di una mamma dopo la morte del figlio

CONDIVIDI

figlio mortoCosa è normale dopo che il tuo bambino muore? Le toccanti parole di una mamma dopo la morte di un figlio.

Lei si chiama Lori Burgstahel e con il marito Guy hanno creato un sito in memoria del figlio Taylor, perso all’età di 17 anni.

Secondo questa coppia di genitori “quando smetti di parlare di qualcuno che ami che è mort0, è solo allora che è veramente morto” ed è per questo che fanno e faranno di tutto per ricordarlo.

La poesia per un figlio morto: “cosa è normale dopo che tuo figlio muore?”

Questa mamma, riprendendo una poesia scritta da una coppia di genitori, Tara & Heath Carey, per la loro figlia, ha scritto le seguenti parole che hanno commosso milioni di persone, venendo condivise spesso sui social senza però citarne la fonte e con la foto della scultura di Martin Hudacek che rappresenta una mamma e una bambina.

Ecco la poesia tradotta per voi:

Normale è avere lacrime che aspettano dietro ogni sorriso perché il tuo bambino manca a tutti gli eventi importanti della tua vita.

Normale è cercare di decidere cosa portare al cimitero per i compleanni, Natale, Hanukkah, il Ringraziamento, Capodanno, San Valentino, il 4 luglio e Pasqua.

Normale è sentire che non puoi stare seduta un altro minuto senza alzarti e urlare perché non ti piace più stare seduta.

Normale è non dormire molto bene perché migliaia di “e se” o “perché non ho” ti passano per la testa costantemente.

Normale è rivivere il giorno in cui il tuo bambino è morto, continuamente attraverso gli occhi e la mente, tenendoti la testa per farlo andare via.

Normale è avere accendere la TV appena entri in casa per avere rumore perché il silenzio è assordante.

Normale è fissare ogni ragazzo che assomiglia a tuo figlio a quell’età. E poi pensare all’età che avrebbe ora. Poi chiedersi perché immaginarlo, visto che non accadrà mai.

Normale è che dietro ogni evento felice della tua vita la tristezza sia sempre in agguato, a causa del buco nel tuo cuore.

Normale è raccontare la storia della morte di tuo figlio come se fosse un’attività quotidiana, ordinaria e poi vedere l’orrore negli occhi di qualcuno per come suona. E eppure rendersi conto è divenuta parte del tuo “normale”.

Normale è affrontare ogni anno il compito difficile di come onorare la memoria di tuo figlio e i suoi compleanni e sopravvivere a quei giorni. E cercare di trovare il palloncino o il festone adatto per l’occasione. Buon compleanno? Non proprio.

Normale è il cuore che si scalda e tuttavia si ferma  alla vista di qualcosa di speciale che tuo figlio amava.

Normale è avere qualcuno che ha paura di parlare di tuo figlio.

Normale è assicurarsi che altri ricordino tuo figlio.

Normale è tutti gli altri vadano avanti con le loro vite

Normale è che settimane, mesi e anni dopo lo shock iniziale il lutto peggiori e non migliori.

Normale è non ascoltare le persone che paragonano qualsiasi cosa nella loro vita con la tua perdita, a meno anche loro abbiano perso un figlio. Niente è paragonabile. Niente. Anche se il tuo bambino è nel più remoto posto del mondo lontano da te – non è paragonabile.

Perdere un genitore è orribile, ma dover seppellire il tuo stesso figlio è innaturale.

Normale è prendere pillole e cercare di non pianger per tutto il giorno, perché sai che la tua salute mentale dipende da questo.

Normale è rendersi conto che piangi tutti i giorni.

Normale è essere impaziente con tutto e con tutti tranne con qualcuno colpito dal dolore della perdita di un figlio.

Normale è stare seduto al computer piangendo, condividendo come ti senti con altri genitori in lutto.

Normale è non ascoltare le persone che si scusano per Dio. “Potrebbe averlo fatto perché…”. So che mio figlio è in “paradiso”, ma sentire le persone che cercano delle scuse sul perché un giovane fantastico sia stato portato via da questa terra non è apprezzato e non ha assolutamente senso per una madre addolorata.

Normale è essere troppo stanchi per preoccuparsi se hai pagato le bollette, pulito la casa, fatto il bucato o se c’è del cibo.

Normale è chiedere a Dio perché ha preso la vita di tuo figlio invece della tua.

Normale è imparare a mentire a tutti quelli che incontri e dire loro che stai bene. Menti perché se piangi li metti a disagio. Hai imparato che è più facile mentire loro che dire la verità su come ti senti vuoto e perso.

E per ultimo…

Normale è nascondere tutte le cose che sono diventate “normali” per te da sentire, così che tutti intorno a te penseranno che tu sei “normale”.”

Parole che non hanno bisogno di commenti…ma solo di essere lette e ascoltate.

Noi vi lasciamo con alcuni consigli su cosa dire e non dire a dei genitori in lutto.


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it