Home Mamma & Co. Accade nel mondo “Ecco come i miei amici mi hanno aiutata mentre ero depressa”: una...

“Ecco come i miei amici mi hanno aiutata mentre ero depressa”: una confessione – (FOTO)

CONDIVIDI

Una ragazza racconta come i suoi amici e amiche l’hanno aiutata mentre aveva la depressione.

Depressione: una storia

“L’anno successivo a quando è morto mio papà è stato così brutto che non ne ricordo il 90%. Mi sono trasferita in un nuovo appartamento e non potevo disfare i bagagli. Per MESI. Mi vergognavo di non riuscire a disfarli. Come si fa a non riuscire a disfarli? Basta aprire le scatole. Quello è stato l’anno in cui ho pianto per 19 giorni di fila.

Il mio buon amico David, che conosco dai tempi della scuola sapeva che ero in difficoltà e si sentiva inutile. Diceva “sei amata, abbiamo bisogno di amore”.

Io: “non importa ma grazie”. Quindi ha corso il rischio. Poteva finire male, avrei potuto attaccare.

Avrei potuto offendermi. Ma ha corso il rischio. Ha mandato una e-mail a un gruppo di amici locali (senza dirmelo) e ha detto: “Sheila è in difficoltà, ha bisogno del nostro aiuto, andiamo là e disfiamo i suoi bagagli. Portate del cibo, rendiamolo divertente.

David mi ha inviato una e-mail “sei a casa giovedì sera? Posso fermarmi?” Io ho risposto: “sicuro” seduta tra 200 scatole non spacchettate.

Alle 6 di giovedì il campanello ha suonato e 10 miei amici si sono presentati senza invito, portando vassoi di pietanze, prodotti per la pulizia, completamente noncuranti dei miei “Aspettate non potete entrare, non ho ancora disfatto le scatole”. Mi hanno ignorato e si sono messi al lavoro.

Hanno aperto le scatole, hanno sistemato i miei 1500 libri, hanno appeso le foto. Hanno organizzato il mio armadio e messo via i miei abiti. Nel frattempo qualcuno ha realizzato in cucina una postazione per fare i taco. Alcuni avevano portato la birra e per la fine della serata il mio appartamento era pronto.

Ero letteralmente incapace di fare le cose più semplici. Nessuno mi giudicava. Erano come supereroi che spazzavano. Un amico è arrivato tardi, è rimasto in piedi nel corridoio mi ha guardato e mi ha detto: Mettimi al lavoro.

Uno dei miei amici si è preso l’incarico di appendere poster e quadri. “Sono molto bravo a misurare le cose. Lasciami mettere tutte queste cose in corridoio. Io gironzolavo intorno non volendo cedere il controllo… metti quello lì magari? ” Lei ha detto: “vai via”.

L’ho fatto.

Ed era molto più brava ad appendere le cose di me.

Ero sopraffatta dalla vista di tutti i miei pazzi amici e amiche che si trasformavano in un workshop di Babbo natale.

Per me. Senza chiedermelo. Si sono semplicemente presentati e intromessi. Sono stata in imbarazzo per circa 10 minuti, ma erano così pratici e autoritari che non avevo alternative se non lasciar fare.

Alla fine della serata ho guardato un amico di mio marito, un tizio taciturno, che guida un rimorchiatore sull’Hudson, un uomo pratico, di poche parole, l’ho guardato senza parole, senza sapere come dire grazie soprattutto a questo forte e resistente uomo auto sufficiente.

Mi ha guardato, ha visto la mia espressione, ha capito lo sguardo, ha capito tutto ciò che c’era dietro e ha detto: “ascolta piccola, quello che abbiamo fatto oggi era costruire un granaio.”

Quella è stata la fine. Il consiglio chiedere per aiuto è una buona intenzione ma non abbastanza forte. C’è la vergogna, c’è l’impotenza applicata, c’è il senso che tu non ne valga la pena. I miei amici non hanno aspettato che chiedessi. Si sono presentati, sono subentrati, non hanno chiesto.

Quando hanno spazzato tutto 4 ore dopo, il mio posto era una casa. Non solo tutto era stato messo via, ma ora aveva un ricordo attaccato, un ricordo di gruppo, amici, risate, scherzi, duro lavoro. Questi sono il genere di amici che ho. Siate quel genere di amici per gli altri.

Per reiterare. Questo piano si sarebbe potuto ritorcere contro. Io mi sarei potuta offendere, sentire insultata, ferita. David si è assunto il rischio. Essere amici richiede impegno. Una disponibilità a prendere il rischio”.

 

Unimamme, voi cosa ne pensate di questo messaggio sulla depressione pubblicato su Love What Matters?

Noi vi lasciamo con il rimedio di un ragazzo per aiutare la fidanzata che ha la depressione.