Home Mamma & Co. Accade nel mondo Eutanasia: i casi in aumento in Belgio, 3 bambini morti

Eutanasia: i casi in aumento in Belgio, 3 bambini morti

CONDIVIDI

Tre bambini tra le migliaia di persone morte per eutanasia in Belgio.

Dal 2003 in Belgio è consentita l’eutanasia, anche i bambini possono compiere questa scelta.

Secondo i dati raccolti ci sono 3 bambini che hanno deciso di porre fine in questo modo alla loro vita.

Nel 2007 495 belgi hanno scelto di morire in questo modo.

Sempre secondo le statistiche:

  • nel 2016 ci sono state 2028 morti
  • nel 2017: 2309

Si evidenzia quindi un incremento del 14% ogni anno.

Due bambini sono morti nel 2016 e uno nel 2017, non si conoscono le loro identità, ma tutti e tre avevano il cancro.

In Olanda non è possibile, ai bambini sotto i 12 anni, scegliere l’eutanasia, in Belgio invece la decisione risalente al 2014 di estendere la possibilità dell’eutanasia a tutti i piccoli ha destato molte critiche.

A ogni modo la maggior parte dei 4337  decessi per eutanasia in Belgio tra il 2016 e il 2017 erano pazienti con il cancro.

710 pazienti erano persone anziane che soffrivano di condizioni non altrettanti gravi, per esempio di cecità e incontinenza.

77 hanno deciso di morire perché la loro sofferenza era insopportabile.

19 persone tra i 18 e i 29 anni hanno scelto l’eutanasia.

Lord Carlile di Living and Dying Well, gruppo parlamentare che si oppone all’eutanasia si è detto profondamente shockato dalla morte di 3 bambini.

“Nessun genitore o autorità pubblica ha il potere di porre fine alla vita di un bambino, chiunque sia.”

Il professor Wim Distelmans, capo della Belgium’s Federal Commission for Euthanasia Control and Evaluation, sostiene che sempre più persone anziane non sopportano pluripatologie e decidono, piuttosto, di morire.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi risultati e osservazioni presentate sul Daily Mail?

 

 

 

 


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it