Fertility Day

Oggi 22 settembre cade il primo Fertility Day italiano tanto voluto dal Ministero della Salute e, come sappiamo, fortemente criticato a causa della campagna di comunicazione che lo ha anticipato.

Fertility Day: tutto ciò che c’è da sapere

Il Fertility Day è una giornata dedicata alla salute, all’informazione e formazione sulla fertilità umana.

Lo scopo è quello di aumentare, soprattutto tra i giovanissimi, la conoscenza della propria salute riproduttiva e, contemporaneamente,  fornire strumenti a tutela della fertilità per quelle coppie che stanno cercando di avere figli, attraverso:

  • la prevenzione
  • la diagnosi precoce
  • la cura delle malattie che possono compromettere la fertilità
  • le tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Sono 4 le città italiane in cui si sono svolti gli avvenimenti principali:

  • Roma
  • Bologna
  • Padova
  • Catania

e dove si è parlato di fertilità attraverso tavole rotonde con operatori del settore, associazioni, famiglie, giornalisti.

Vediamo insieme come è stato organizzato il Fertility Day.

A Roma si è tenuta la tavola rotonda: “FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE RIPRODUTTIVA: QUALE PREVENZIONE?”

 

Qui si è puntato soprattutto su prevenzione e sulla promozione di comportamenti corretti per ridurre i fattori di rischio e proteggere la fertilità.

cause-infertilita

 

2

3

1

8

9

Gli stili di vita scorretti, mostrati e spiegati nell‘infografica, come :

  • cattiva alimentazione
  • ridotta attività fisica
  • fumo
  • alcol
  • abuso di sostanze
  • obesità
  • malattie sessualmente trasmissibili
  • fattori ambientali

possono nuocere alla fertilità. In questa occasione si è parlato anche delle attività del Ministero della Salute riguardo la salute riproduttiva e la fertilità nella recente approvazione dei LEA.

A Bologna invece si è tenuta la tavola rotonda: COME AIUTARE LA SALUTE RIPRODUTTIVA E DIFENDERLA ANCHE DAL CANCRO?”

4

Si è parlato di come aiutare la procreazione con percorsi di fecondazione.

Secondo i nuovi Lea il Servizio Sanitario Nazionale permetterà di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita dove non è possibile risolvere l’infertilità con terapie mediche o chirurgiche.

Si è anche affrontato anche il tema del preservare la fertilità nei pazienti sottoposti a trattamenti oncologici.

A Padova si è tenuta la tavola rotonda: ““FUNZIONE RIPRODUTTIVA COMPROMESSA: DIAGNOSI E POSSIBILI TERAPIE”

tasso-di-aborti

5

6

In tale ambito si è puntato sulla diagnosi precoce, sulle possibilità e i limiti delle terapie mediche e chirurgiche.

A Catania, infine, si è disccusso di: “L’ETA’ FERTILE NELL’UOMO E NELLA DONNA, L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELL’INFORMAZIONE”

fertilita-via-naturalefertilita-uomofertilita-donna

immagine

L’età, lo sappiamo,è un fattore di fondamentale importanza per il concepimento.

Insomma tante tante informazioni, utili e delle quali occorre davvero parlare, e che approfondiremo il più possibile.

Ma il 22 settembre  non è stato solo la giornata del Fertility Day, perché nelle piazze molti giovani hanno protestano con il Fertility Fake usando cuscini e clessidre per denunciare la mancanza di diritti, welfare, reddito, asili con l’hashtag: #sonoinattesa.

121710794-3a2c69da-5a6b-4606-a0bb-548f9820d5c9

In molti hanno chiesto le dimissioni del Ministro Lorenzin, soprattutto dopo l’ultima immagine della campagna riguardante gli stili di vita da seguire e quelli da evitare.

La scelta delle immagini infatti è stata tacciata di razzismo perché mostra dei ragazzi biondi e bianchi al mare a simboleggiare le buone abitudine, mentre quelle cattive sono rappresentate da ragazzi, tra cui alcuni neri, che fumano e assumono droghe.

fertility-day

Insomma una campagna sbagliata che sicuramente non ha aiutato a far arrivare il messaggio di come sia necessario preservare la fertilità.

E voi unimamme, che ne pensate del fertility day e dello scopo che si prefigge?