fiorista a Milano


 

La nascita di un bambino è l’occasione giusta per celebrarne l’evento regalando alla sua mamma un bel mazzo di fiori.

Dai colori più tenuti a quelli più vivaci: gerbere, rose, tulipani o girasoli sono l’omaggio giusto per fare sentire davvero speciale le mamme che hanno appena dato alla luce il loro piccolino.

Regalare dei fiori è anche un modo veramente pratico per far sentire a una persona cara, a un’amica, a una parente la propria vicinanza anche se si è lontani.

Testimonianza di affetto, sostegno e amicizia, i fiori costituiscono un ottimo strumento per esprimere i propri sentimenti e farci sentire vicini.

Sappiamo che spesso esigenze lavorative o familiari ci portano a vivere in città diverse, e a volte anche in Paesi diversi, e per questo un servizio di  consegna a domicilio di fiori potrebbe essere l’idea giusta per sorprendere con un bel regalo una mamma.

Oltre al classico e intramontabile bouquet si possono aggiungere anche dei gadget come peluches, scatole di cioccolatino e, perché no, anche di vini e spumanti, per rendere l’atmosfera ancora più gioiosa.

I fiori sono sempre ben accetti, rallegrano, profumano gli ambienti come può essere la stanza d’ospedale di una neomamma o la casa al suo rientro e non mancano mai di strappare un sorriso alle persone a cui vengono indirizzati.

Si tratta di un pensiero gentile e amabile che rimarrà stampato nei cuori delle persone.

Se avete l’esigenza di un fiorista a Milano non c’è niente di meglio che affidarsi a un servizio valido e sicuro come quello di FloraQueen che vi garantirà qualità del servizio e velocità nei tempi di consegna.

FloraQueen però non consegna solo a Milano, ma in tutta Italia, e addirittura fuori dai confini nazionali.

Insomma, mai sottovalutare l’importanza di un piccolo gesto come quello di donare i fiori! Il poeta Paul Claudel infatti diceva: “un fiore è breve, ma la gioia che dona in un minuto è una di quelle cose che non hanno un inizio e una fine”.

Unimamme voi avete ricevuto dei fiori mentre vi trovavate in ospedale o al vostro rientro a casa? Che emozione avete provato? Raccontatecelo se vi va!