rapporti sessuali durante il cicloPuò sembrare strano ma secondo una recente ricerca la fertilità della donna è legata all’essere o meno  sessualmente attive.

3 ricercatori dell’Università dell’Indiana, Tierney Lorenz, Julia Heiman R, professore presso il Dipartimento di Scienze Psicologiche e cervello, e Gregory E. Dema, professore del Dipartimento di Biologia, hanno scoperto che l’attività sessuale delle donne comporta cambiamenti fisiologici nel corpo, che a loro volta aumentano le probabilità di rimanere incinta, e non solamente nel periodo in cui si ovula.

Le conclusioni dello studio sono riportate in documenti recentemente pubblicati sulla riviste Fertility and Sterility e Physiology and Behavior.

Rapporti sessuali durante il ciclo mestruale: aiutano la fertilità

rapporti sessuali durante il cicloE’ una raccomandazione comune che i partner che cercano di avere un bambino dovrebbero impegnarsi in un rapporto normale per aumentare le possibilità della donna di rimanere incinta – anche durante i periodi cosiddetti “non fertili“, ha detto Lorenz . “Questa ricerca è la prima a dimostrare che l’attività sessuale può aiutare il corpo a promuovere tipi di immunità che supportano il concepimento”.

Sempre la Lorenz aggiunge: “E ‘una nuova risposta a un vecchia domanda: in che modo i rapporti sessuali che non avvengono nella finestra fertile migliorano la fertilità?

Altri studi precedenti avevano dimostrato che la funzione immunitaria cambia durante la gravidanza e dopo il parto e che avvengono variazioni anche durante tutto il ciclo mestruale.

Ma la ricerca in questione è la prima a dimostrare che l’attività sessuale gioca un ruolo fondamentale in questi cambiamenti della funzione immunitaria, e ciò è stato possibile dimostrarlo studiando la regolazione del sistema immunitario di donne sessualmente attive e di donne che non lo sono.

Lo studio si è svolto raccogliendo dati da 30 donne durante tutto il loro ciclo mestruale. Di queste 16 erano sessualmente attive e 14 invece praticamente in astinenza.

Le donne sessualmente attive hanno presentato maggiori cambiamenti nelle cellule T helper (Th), e le proteine che le cellule T usano per comunicare.

Le cellule Th gestiscono la risposta immunitaria dell’organismo in parte attivando le cellule che distruggono microbi nel corpo.

Altra differenza riportata dallo studio riguarda i livelli di anticorpi contenuto nella saliva dei due gruppi di donne.

Gli anticorpi – noto anche come immunoglobuline – sono secreti dalle cellule bianche del sangue e svolgono un ruolo importante nel combattere gli invasori esterni nel corpo.

Lorenz spiega che “Al fine di proteggere se stesso, il corpo (femminile) ha bisogno di difendersi contro gli invasori esterni. Ma se si applica questa logica allo sperma o a un feto, allora la gravidanza non può verificarsi. I cambiamenti di immunità che le donne sperimentano può essere una risposta a questo problema. ”

Esistono 2 tipi di cellule Th:

  • le cellule Th di tipo 1, che  difendono il corpo dalle minacce esterne
  • le cellule Th di tipo 2 , che aiutano il corpo ad accettare quegli aspetti della gravidanza che il corpo può altrimenti interpretare come “invasori esterni”, come la presenza di spermatozoi o il generarsi degli embrioni.

Allo stesso modo esistono due tipi di anticorpi:

  • gli anticorpi immunoglobulina A IgA – tipici della mucosa del tratto riproduttivo femminile -, che possono interferire con il movimento degli spermatozoi e di altri aspetti della fecondazione
  • gli anticorpi immunoglobulina G IgG– tipici del sangue –  che combattono le aggressioni esterne senza interferire con l’utero.

Lorenz e colleghi hanno trovato:

  • nelle donne sessualmente attive
    • livelli significativamente più elevati di cellule Th di tipo 2 e IgG durante la fase luteale del ciclo mestruale, il periodo in cui il rivestimento uterino si addensa in preparazione per la gravidanza
    • livelli più elevati di cellule Th di tipo 1 e di IgA durante la fase follicolare del ciclo mestruale, il periodo in cui i follicoli delle ovaie stanno maturando
  • nelle donne sessualmente inattive , invece, nessun cambiamento a livello immunologico.

il sistema immunitario risponde ad un comportamento sociale: l’attività sessuale“, ha detto Lorenz. “Il sistema immunitario delle donne sessualmente attive si prepara in anticipo per la semplice possibilità di gravidanza.”

Da questo studio si evince che il sistema immunitario non è un sistema passivo che attende di reagire alle minacce esterne, ma un sistema altamente attivo che cambia in risposta a stimoli esterni, quali l’ambiente fisico e il comportamento sociale.

Tale ricerca, riconoscendo che l’attività sessuale può causare fluttuazioni naturali dei risultati dell’esame del sangue potrebbe essere utile per i medici trattamento di pazienti con disturbi del sistema immunitario, ritengono gli autori.

Riassumendo: occorre avere rapporti frequentemente, e soprattutto durante il ciclo mestruale, che sono poi i giorni considerati meno fertili. Questo perché durante le mestruazioni il sistema immunitario è meno in allerta, e non considera lo sperma come “un nemico esterno”. Viene così favorito il concepimento.

Che ne pensate unimamme? Cambierete le vostre abitudini?