Julen: autopsia
fonte: web

I risultati definitivi dell’autopsia su Julen.

Unimamme, erano ormai mesi che attendevamo i risultati definitivi dell’autopsia sul corpo del piccolo Julen Rosario, il bimbo morto in un pozzo di Totalán, vicino Malaga.

Secondo i 4 medici che hanno firmato il documento il piccino di soli 2 anni è morto subito dopo la caduta nel pozzo profondo 70 metri e largo solo 25 cm.

Julen: i risultati definitivi dell’autopsia

I rappresentanti dell’istituto di Medicina Legal y Forense di Málaga hanno stabilito che ad essere stati fatali al bambino sono stati due traumi principali: uno alla base del cranio e l’altro sulla parte sinistra della testa.

Si tratta del risultato dell’urto contro le sporgenze della parete del tunnel.

Il rapporto quindi nega completamente i risultati dello studio svolto dalla difesa di David Serrano, il proprietario del terreno dove si è svolto il dramma.

L’uomo, ora indagato per omicidio, sosteneva che le lesioni fossero state causate dal maldestro intervento dei primi soccorritori. Secondo lui la testa di Julen sarebbe stata colpita più volte da un piccone.

“Nessuna lesione si trova nella parte superiore della testa, sono tutte laterali, compatibili con le pareti del pozzo e ciò che poteva cadere intorno al cadavere (terra e rocce)”.

La data precisa della morte del bambino è stata situata intorno alle 13.50 del giorno della sua caduta, tre ore prima che iniziassero a lavorare col piccone nel pozzo.

Il rapporto stabilisce inoltre che le lesioni mortali di Julen sono quelle tipiche di una caduta da quel tipo di altezza. In relazione al soffocamento si legge che il materiale sabbioso smosso a causa della sua caduta e i vestiti gli avrebbero reso impossibile respirare.

David Serrano quindi rimane indagato.

Unimamme, cosa ne pensate dei risultati dell’autopsia di cui si parla su El Mundo?

Leggi anche > “La morte di Julen è stata un incidente”: parla il proprietario del terreno