Home Mamma & Co. Accade nel mondo Bimbo di 2 anni con sindrome di Down non parla, ma con...

Bimbo di 2 anni con sindrome di Down non parla, ma con la sorella tutto cambia

CONDIVIDI

La musica viene utilizzata spesso dai genitori con i bambini più piccoli perché ha un potere magico: non soltanto allieta, ma insegna anche delle nuove parole o dei concetti come i colori. Spesso i genitori usano i jingle per insegnare ai figli come si parla. Da “La vecchia fattoria” a “Ci vuole un fiore”, queste canzoni insegnano il significato delle parole e come descriverlo attorno a loro. Per questo la musicoterapia è molto importante per i bimbi con qualche difficoltà e il video che è diventato virale ne è la prova.

Bambino di 2 anni con la Sindrome di Down canta benissimo

Con 5 figli a cui badare, come riporta il sito inspiremore.com, Amanda Bowman Gray di Crawfordville, Florida, spesso delega a qualcuno dei figli più grandi di occuparsi di piccole attività con i più piccoli, così può almeno fare una doccia.

Un giorno ha chiesto a sua figlia Lydia di occuparsi del figlio più piccolo, Bo, che ha 2 anni e che ha la Sindrome di Down. Conosce solo 12 parole (per intenderci: un bambino della stessa età ne conosce almeno 50). 

Bo però ama la musica e ha un profondo impatto sulla sua vita. Infatti le sue 12 parole le ha apprese proprio grazie alle canzoni.  Lydia ha preso la chitarra e si è messa a cantare “You’re my sunshine” e Bo riesce a stare dietro alla musica in maniera incredibile.

Mia figlia Lydia stava badando a Bo mentre mi stavo facendo la doccia. Se non avesse avuto la chitarra, non so se ci sarebbe riuscita. Una prova che la musicoterapia funziona” ha scritto Amanda in un post su Facebook in cui mostra il video del bimbo (video che è diventato virale con 54 milioni di visualizzazioni).

Bo ha sempre ascoltato la musica, addirittura prima di nascere: suo padre, Caleb Gray, è un musicista e molti membri della sua famiglia condividono questo interesse.

Nel video si vede che Lydia fa una pausa mentre canta così Bo può completare la frase con le parole che conosce “dear and blue”. Il modo in cui si approccia alla musica ci fa vedere che non soltanto è contento ma che sta anche imparando!

E voi unimamme cosa ne pensate? Avete una storia simile da raccontare?

Intanto vi lasciamo con il post che parla del fatto che la musica aiuta a sviluppare meglio il linguaggio dei bambini. 


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it