Home Servizi Utili Studi e ricerche L’assistenza al parto è un fatto tutto femminile, anche negli scimpanzé

L’assistenza al parto è un fatto tutto femminile, anche negli scimpanzé

CONDIVIDI

assistenza al parto

Assistenza al parto tra femmine anche negli scimpanzé, lo studio scientifico.

Il parto è una cosa da donne. Fin dall’antichità sono state le ostetriche ad aiutare le donne a partorire, poi è arrivato il medico, ma il ruolo femminile nell’assistenza al parto è sempre stato importante. Un modello che viene ripetuto anche tra gli animali, almeno nei mammiferi più vicini a noi come gli scimpanzé. Lo ha stabilito uno studio scientifico italiano.

Assistenza al parto anche negli scimpanzé

Mamma scimpanzé Bonobo con il suo piccolo (iStock)

L’assistenza al parto è un fatto femminile, anche tra gli scimpanzé, è quello che ha scoperto lo studio condotto da Elisabetta Palagi, ricercatrice dell’Università di Pisa.

Finora si era creduto che questa caratteristica del parto fosse esclusiva degli esseri umani, ma la ricercatrice italiana ha dimostrato che è presente anche negli scimpanzé bonobo, una specie vicina all’uomo dal punto di vista evolutivo.

La studio è stato effettuato nel Parco primati Apenheul nei Paesi Bassi e a La Vallée des Singes in Francia, ed è stato pubblicato sulla rivista statunitense Evolution and Human Behavior. Hanno lavorato allo studio anche Elisa Demuru, ricercatrice dell’Università di Pisa e Pier Francesco Ferrari del Cnr francese.

I ricercatori hanno studiato il comportamento degli scimpanzé bonobo durante il parto, filmando tre nascite di cuccioli fin dalle prime fasi del travaglio e documentando il comportamento non solo della mamma ma dell’intero gruppo sociale di scimpanzé.

Elisabetta Pelagi ha spiegato che “durante il parto, le femmine di bonobo si stringono intorno alla mamma e mettono in atto comportamenti per proteggerla e supportarla, fino ad aiutarla a sorreggere il piccolo durante la fase espulsiva”. Caratteristici sono anche gli scambi di espressione facciale, le vocalizzazioni e i gesti che stanno a testimoniare una partecipazione emotiva all’evento, che non si è verificata in altre situazioni.

Gli studiosi hanno accertato che l’assistenza al parto nei bonobo è presente anche se l’evento non risulta particolarmente complicato. Una circostanza molto interessante che potrebbe portarci a riconsiderare anche l’evoluzione del parto nell’uomo. Nelle donne, infatti, il parto è difficile e molto faticoso, e secondo la scienza questa difficoltà sarebbe dovuta all’evoluzione degli esseri umani. che sono diventati bipedi e hanno sviluppato un cranio molto voluminoso. Per questo motivo è nata l’assistenza al parto.

Queste caratteristiche, tuttavia, non sono presenti negli scimpanzé bonobo, dove l’assistenza al parto sarebbe esclusivamente un evento sociale ed emotivo.

Addirittura il processo evolutivo umano avrebbe determinato le caratteristiche degli esseri umani: la socialità e la partecipazione al momento del parto avrebbero favorito l’evoluzione delle caratteristiche morfologiche e anatomiche che ci caratterizzano.

Tra esseri umani e scimpanzé bonobo, quindi, ci sono diverse similitudini, dovute alla forte coesione del gruppo femminile presente in entrambe le specie.

In conclusione, non sarebbe stata tanto la difficoltà del parto a far nascere l’assistenza a questo evento da parte di altre donne, ma al contrario sarebbe stata l’assistenza al parto a determinare certe caratteristiche negli esseri umani, come camminare su due gambe e avere un cranio grande.

Ulteriori studi saranno comunque necessari per approfondire questo tema, che comunque è molto affascinante.

Voi unimamme che ne pensate?

Vi ricordiamo i nostri articoli:


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it