Home Mamma & Co. Accade nel mondo Una mamma pubblica la foto della figlia con la pertosse – (FOTO)

Una mamma pubblica la foto della figlia con la pertosse – (FOTO)

CONDIVIDI

bimbaLa piccola Brielle a soli 5 settimane di vita ha dovuto combattere contro una malattia: la pertosse. Si tratta di un’infezione batterica che colpisce i polmoni e le vie aeree, causando forte tosse e febbre; nei casi più gravi polmonite, danni celebrali, vomito, perdita di peso e persino la morte.

La figlia di 5 mesi ha preso la pertosse e la mamma ne pubblica la foto su Facebook

La mamma di Brielle, Meghan Mcnutt-Anderson, dell’Ontario, in Canada, ha pubblicato su facebook la foto della sua piccolina malata ricevendo molta solidarietà, ma soprattutto per uno scopo precauzionale: cercare di convincere i genitori a vaccinare i propri figli, viste le conseguenze che la pertosse ha sulla figlia.

Questo è perché facciate vaccinare i vostri figli! Abbiamo passato gli ultimi 3 giorni in ospedale al suo fianco, sostenendola e massaggiandole la schiena ogni volta che tossisce. Ogni volta che tossisce smette di respirare, diventa blu e debole. Ha troppo muco e le sue vie aree sono troppo piccole per espellerlo e si bloccano; così dobbiamo aiutarla manualmente per eliminarlo. Dovremo farlo per le prossime due settimane“. 

Sempre su facebook Meghan prosegue:

Lo so che la foto di una bambina malata non è una cosa piacevole da vedere, ma alle volte le foto parlano più forte delle parole...” aggiungendo e rivolgendosi poi ai genitori  – di “pensare prima ai rischi che corrono gli altri bambini e le altre persone quando decidete di non vaccinare“.

Il dibattito sui vaccini è sempre molto spinoso: io personalmente ho scelto di vaccinare e penso di aver fatto bene. Ritengo che il rapporto rischi/benefici dati da un vaccino siano più sopportabili di danni permanenti ad esempio per il morbillo.

E voi unimamme? Cosa ne pensate?


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it