Maria Teresa Ruta e la figlia Guenda Goria. Credits: Instagram di Guenda Goria

Maria Teresa Ruta ha confessato di essere stata poco presente nella vita dei suoi figli e molto dedita al lavoro. In studio con lei anche la figlia maggiore.

Durante la puntata di Storie Italiane andata in onda l’8 ottobre, la conduttrice, Eleonora Daniele, ha intervistato un’altra conduttrice italiana, Maria Teresa Ruta.

La Ruta era in compagnia della sua primogenita Guenda ed a stento è riuscita a trattenere l’emozione quando ha iniziato a parlare del suo rapporto con i suoi due figli. Figli che ha avuto dal suo primo matrimonio con il giornalista e conduttore Amedeo Goria: Guenda nata nel 1988 e Gianamedeo nato nel 1992.

“Mai troppo vicina ai miei figli. Mio figlio lontano da me”: il rapporto di Maria Teresa Ruta con i suoi figli

Nell’intervista rilasciata da Maria Teresa Ruta ad Eleonora Daniele la conduttrice televisiva ha  parlato di tutto, dagli affetti, alla famiglia fino al lavoro lavoro.  Quando ha parlato dei figli si è commossa e ritiene di aver avuto delle colpe e mancanze come madre. In un’intervista precedente la figlia aveva ammesso che ha sofferto perché non ha potuto vivere la madre nel modo nel quale avrebbe voluto.  Anche a Storie Italiane ha confermato il suo pensiero: “Tendo ad essere un po’ dura e lo sono stata spesso ma è anche un modo per reagire a delle sofferenze. Ho spesso accusato i miei genitori perché la mia vita con loro non è stata sempre semplice, forse anche a causa del loro mestiere. Nel mestiere dello spettacolo, c’è tanta vanità e anche tanto egoismo, anche necessario”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando ti chiedono #cosahaifattoierisera❓ e tu puoi orgogliosamente rispondere:”#2chiacchere con mia figlia, come fosse #lamiamiglioreamica ❤️….

Un post condiviso da Maria Teresa Ruta (@mariateresaruta) in data:

Anche la Ruta ha appoggiato le dichiarazioni della figlia, come riportato anche da Fan Page: “Quello che Guenda ha detto è la verità e non è neanche scomoda. Siamo stati due genitori “satelliti”, giravamo attorno ai nostri figli ma non siamo stati mai troppo vicini a loro. Forse i miei figli hanno avuto l’impressione che noi andassimo a divertirci anziché a lavorare. Gianamedeo ha anche sofferto di più perché non ha mai esternato”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Maria Teresa Ruta (@mariateresaruta) in data:

A risentire del suo lavoro sarebbe stato il figlio minore che oggi ha 26 anni: “Mio figlio si è chiuso perché non vuole più soffrire. È un ragazzo d’oro ma si è chiuso nel suo mondo, studia, fa l’ingegnere… Farei scelte diverse anche se sono venuti su benissimo. Sono stata fortunata, mi è andata di fortuna! Potevano venire su in un altro modo per come li ho fatti vivere! Sono stata incosciente e irrimediabilmente leggera. Io dovevo esserci di più per loro. Loro sono straordinari, ma la loro fragilità mi fa soffrire. Mio figlio sfugge da me ma sta bene. Il nostro rapporto è fantastico ma è lontanissimo da me. Non è il rapporto che io avevo con mio papà. Il mio lavoro mi ha distratto”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Maria Teresa Ruta (@mariateresaruta) in data:

Anche per la figlia maggiore Guenda, come lei stessa ha dichiarato, non è stato facile crescere on delle “mancanze”: “Gian si è indurito più di me. È un ragazzo d’oro, molto introverso… Entrambi siamo diventati composti e un po’ sulle nostre. Sono una persona che avrebbe desiderio solo di una carezza e di un affetto puro. Oggi riesco con più facilità a vedere l’entusiasmo dei miei genitori per il loro lavoro che, comunque, è stato un esempio. Da bambina, avrei preferito che i miei genitori avessero fatto delle rinunce per me”.

LEGGI ANCHE > MICHELLE HUNZIKER: “sPERO CHE LE MIE FIGLIE CI SIANO SEMPRE L’UNA PER L’ALTRA”

Prima della fine dell’intervista, Maria Teresa, che negli ultimi anni è scomparsa dalla televisione, se non una partecipazione al reality show Pechino Express, ha accusato la tv di averla quasi dimenticata: “Ho dato troppo al mio lavoro, ho avuto soddisfazioni intense, ho dato al lavoro i migliori anni della mia vita. Ma a volte mi sembra di essere stata dimenticata. A Pechino Express, c’è stato un “buco” nei concorrenti e hanno chiamato la Ruta di scorta e l’ho vinto. Sono soddisfatta e non chiedo niente, io voglio che i giovani abbiano spazio, io mi tengo le mie rughe”.

Voi unimamme avete seguito l’intervista? Cosa ne pensate delle parole di maria teresa Ruta e della figlia che era con lei in studio?