Secondo un rapporto pubblicato su due importanti testate giornalistiche tedesche, in 68 anni, dal 1946 al 2014, 3677 bambini sono stati abusati sessualmente da preti cattolici della Chiesa tedesca.

Per i ricercatori la stima sarebbe stata fatta per difetto, dal momento che moltissimi casi sono stati insabbiati e i documenti distrutti.

Questo è quanto emerge da uno studio realizzato da tre università tedesche e commissionato dalla Conferenza episcopale tedesca.

Stando al rapporto:

  • 1670 preti cattolici avrebbero abusato sessualmente di migliaia di minorenni
  • 3677 sono i minori coinvolti
  • il periodo esaminato è di 70 anni
  • 1 caso su 6 riguarda: stupro e violenza sessuale
  • la maggior parte dei minori erano maschi
  • più della metà avevano meno di 13 anni quando hanno subito le violenze
  • solo il 38% di questi casi è stato affrontato dalle autorità tedesche

Spesso i provvedimenti disciplinari, quando affrontati, sono stati molto lievi. In molti casi i preti accusati di pedofilia sono stati semplicemente trasferiti o affidati ad altri incarichi, senza essere segnalati alle autorità.

Come accennavamo questi numeri, già impressionanti, sono ridimensionati rispetto alla realtà perché i ricercatori affermano che in molti casi gli atti sono stati manipolati, per esempio in tante diocesi i documenti relativi ai casi di pedofilia sono stati completamente distrutti.

Il report, che ha toccato la cifra di 350 pagine, che presto verranno sottoposte al cardinale Reinhard Marx, fa luce anche sul comportamento delle diocesi nei confronti dei preti accusati.

Il vescovo Stephan Akermann ha commentato così lo scopo di questo studio: “per il bene delle persone interessate, ma anche per noi stessi per venire a conoscenza degli errori commessi e fare in modo che non possano essere ripetuti”

Unimamme, voi cosa ne pensate di questo studio di cui si parla su Il Fatto Quotidiano?

Noi vi lasciamo con un’altra inchiesta in cui 300 preti pedofili hanno abusato sessualmente dei bambini per 70 anni.