Home Servizi Utili Chiedi all'esperto “Mio figlio ha bagnato il letto fino ai 16 anni”: la testimonianza...

“Mio figlio ha bagnato il letto fino ai 16 anni”: la testimonianza di una mamma

CONDIVIDI

Care unimamme, l’enuresi notturna è un problema che riguarda prima o poi tutti i genitori, e a volte è sottovalutato.

Alcuni ne escono presto, altri no. E i motivi sono diversi.

Una mamma ha raccontato la storia del figlio di 16 anni, trovandosi non da sola in un problema che in realtà è più diffuso di quanto sembra

“Mio figlio ha 16 anni e non bagna più il letto”: la testimonianza di una mamma a favore di un metodo

Questa mamma ha deciso di scrivere su Facebook la storia del figlio:

Mio figlio ha vissuto con l’onere e l’imbarazzo di bagnare il letto per 16 anni.
Quando il restare asciutti non si è verificato naturalmente ai 4 o 5 anni, ho discusso con il nostro pediatra che non credeva fosse causa di preoccupazione. Ha consigliato di aspettare e continuare a utilizzare i Pull-Ups (i pannolini a mutandina). E così abbiamo fatto.

Pochi anni dopo, nulla era cambiato. Il nostro pediatra ha suggerito di utilizzare un sistema di allarme “campana e assorbente”. Lo abbiamo fatto. Il problema era che svegliava tutti nella casa, eccetto mio figlio. Abbiamo abbandonato quel sistema dopo alcune settimane miserabili.

Ancora una volta, ho espresso la mia frustrazione al nostro pediatra. Ci ha presentato ad un farmaco che funziona per alcune persone e ci ha suggerito di provarlo. Lo abbiamo fatto. Non ha aiutato – anche al più alto dosaggio. Siamo tornati ai Pull-Ups. Abbiamo limitato i liquidi e abbiamo provato a svegliare nostro figlio prima di andare a letto. Questo non è stato d’aiuto perché non potevamo svegliarlo. Finivamo per trascinarlo fisicamente nel bagno, ma era ancora addormentato e molto disorientato e non avrebbe sorretto.

Abbiamo provato un altro allarme che si attacca alla biancheria intima. L’allarme mi ha svegliato, ma di nuovo, mio ​​figlio ha dormito quasi ogni notte. Quando la privazione del sonno ha ottenuto la meglio di me, abbiamo smesso. Siamo tornati a Pull-up.

Disperata per una soluzione, abbiamo provato ancora una volta la medicina, sperando che una volta cresciuto, avrebbe potuto avere qualche effetto. Ma così non è stato. Siamo tornati ai Pull-Ups.

Mio figlio ha l’ADHD ed è comune per i bambini (soprattutto i ragazzi) con questa disabilità quello di essere più in ritardo dei loro coetanei nel restare asciutti di notte. Il nostro pediatra sembrava scoraggiato che mio figlio ancora indossasse Pull-Ups all’età di 12, 13, 14 anni e così abbiamo agito.

Alla fine, abbiamo abbandonato i Pull-Ups sperando che il disagio di essere bagnato lo svegliasse. Ma così non è stato. Un letto bagnato ogni notte per lui e un sacco di lavanderia per me.

Ho convinto mio figlio che una volta che ha cominciato a crescere, il fatto di bagnare il letto sarebbe scomparso. Ma così non è stato. A 16 anni era più alto di me e ancora bagnava il letto ogni notte. Scoraggiato della situazione, mio ​​figlio mi ha invocato di provare nuovamente la medicina, ma non aveva funzionato in passato e non c’era motivo di pensare che avrebbe funzionato adesso.

Quindi non c’è niente che possiamo fare? In quel momento ho usato Internet – stavo cercando uno specialista. Mi sono imbattuta sul sito del dottor Sagie e sono rimasta impressionata da quello che ho letto. Ho trovato il sistema Therapee su Amazon, accompagnato da centinaia di recensioni a 5 stelle – molte situazioni descrittive come la mia. C’era speranza.

In primo luogo, voglio dire che questo sistema è molto superiore a qualsiasi altro allarme che abbiamo provato. L’allarme non deve essere collegato al bambino, che è stato fonte di reclami e disagio.

Sorprendentemente, mio ​​figlio ha risposto a questo allarme dalla prima notte u – non posso spiegare perché questo si svegliò quando gli altri non potevano, ma lo hanno fatto. Abbiamo avuto un paio di falsi allarmi, ma dopo aver regolato il livello di sensibilità dell’assorbente, il problema è stato risolto. Devo ammettere che abbiamo fatto alcune risate sul nome “TheraPEE” e “Dr. Soggy” come volevamo chiamarlo, ma mio figlio e io abbiamo trovato i video e il grafico a stelle molto incoraggiante anche se sono orientati verso ragazzi molto più giovani.

Per essere completamente onesti, le prime 2 settimane sono state infernali ma presto abbiamo avuto occasionali notti asciutte (e meglio di sonno). Gli esercizi sono stati utili e hanno dato a mio figlio un modo attivo per partecipare al suo trattamento.

Il motivo per scrivere una lunga recensione è quella di incoraggiare chiunque si sente disperato come eravamo noi. Questa è stata la risposta per noi. Ci sono volute 6 settimane, ma sono felice di dire che mio figlio non si troverà ad affrontare il suo 17 ° compleanno come un lettino. È guarito!

Così grato per il trattamento professionale, completo e compassionevole del dottor Sagie. Mi sembrava di avere il supporto personale di uno specialista top con la fiducia e il tasso di successo per risolvere il nostro problema. Seguendo le sue direzioni diligentemente, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Un peso enorme è stato sollevato dalle spalle di mio figlio. Vale ogni centesimo!”

Il sistema di cui parla questa mamma prevede una sorta di tappetino da mettere sotto il lenzuolo e che è collegato ad un allarme in caso di bagnato.

E voi unimamme, avete mai avuto problemi del genere? Come avete risolto? Fino a che età i vostri bambini hanno tenuto il pannolino o hanno bagnato il letto? 

Vi lasciamo con i consigli degli esperti per affrontarla.

 


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it