bambino con nome AbramoOggi si festeggio un nome poco diffuso, ma molto conosciuto perchè di tradizione biblica: Abramo. L’origine è ebraica (Avraham) e significa “padre di molti”, “padre di popoli”.

Simboli associati sono:

  • Numero fortunato: 8
  • Colore: verde
  • Pietra: smeraldo
  • Metallo: oro

Il Santo del Giorno: Sant’Abramo

Il 9 ottobre si festeggia Abramo, il patriarca del Vecchio Testamento, considerato il Padre di tutti i credenti. La sua storia è infatti raccontata dal libro della Genesi, ed è con lui che inizia la storia dei Patriarchi d’Israele.

Abramo è figlio di Terah, discendente di Sem, uno dei figli di Noè (ne aveva 3). Con la famiglia vive ad Ur dei Caldei, nell’attuale Iraq.

Assieme alla moglie Sara, al padre e al figlio del fratello morto Lot, lascia poi la città Terah ed emigra nella terra di Canaan, fino alla morte del padre avvenuta a 205 anni. E’ ad Harran che Dio appare per la prima volta ad Abramo, dicendogli: “Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che ti indicherò. Farò di te un grande popolo e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e diventerai una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno, maledirò e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra”.

Abramo, primo credente (non solo della comunità ebraica, ma anche cristiana e islamica), obbedisce e all’età di 75 anni prende Sara e Lot e dopo un lungo viaggio, raggiunge il Negheb.

Per una lite legata al bestiame con cui si erano spostati, Abramo e Lot litigano e si lasciano. Lot se ne va nella valle del Giordano, ma viene catturato da alcuni re orientali. Abramo lo libera, grazie ai suoi uomini armati, e recupera anche tutti i beni che erano stati depredati dagli invasori.

Nel frattempo la moglie Sara, vecchia e ormai sterile, offre ad Abramo la sua schiava Agar e dalla loro unione nasce Ismaele. Abramo, sempre in contatto con Dio, che gli ha promesso grandi ricompense, gli chiede: “Cosa mi darai? Vedi che a me non hai dato discendenza e che un mio domestico sarà mio erede” e Dio gli risponde “non costui sarà il tuo erede, ma colui che sarà generato da te sarà il tuo erede, guarda in cielo e conta le stelle, tale sarà la tua discendenza”. Per suggellare l’Alleanza con Abramo avviene un sacrificio di animali e Dio chiede ad Abramo, a Ismaele e a tutti i maschi del loro gruppo la circoncisione, da ripetere con ogni bimbo nato da lì in poi.

Successivamente Dio appare nuovamente ad Abramo, sotto forma di 3 angeli dalle sembianze umane ai quali Abramo offre cibo, da bere e ospitalità, e che predicono ad Abramo che Sara avrebbe avuto un figlio da lì ad un anno.

Gli comunicano inoltre che sarebbero andati a distruggere le città di Sodoma e Gomorra perché gli abitanti avevano troppo peccato. Abramo chiede allora che vengano risparmiati i buoni, e i 3 angeli, non trovando 10 giusti, decidono di risparmiare solo Lot e la moglie. Mentre infatti le 2 città vengono bruciate da fuoco e zolfo, Lot e la moglie riescono a scappare, con l’unica condizione di non voltarsi nella fuga. Purtroppo la moglie di Lot si volta e viene subito trasformata in una statua di sale.

Tempo dopo nasce finalmente Isacco e Ismaele è costretto ad allontanarsi assieme alla madre per volontà di Sara.

Dio nuovamente appare ad Abramo e questa volta gli chiede, come prova della sua fede, il sacrificio del figlio. Abramo, nonostante il dolore, si convince e obbedisce, ma mentre è pronto con il coltello a colpire il figlio, Dio tramite un angelo lo ferma e gli dice: “Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato il tuo unico figliuolo”. Al suo posto Abramo sacrifica un ariete, e Dio gli promette per avergli ubbidito ogni benedizione, la moltiplicazione della discendenza come la sabbia delle spiagge e le stelle nel cielo e la benedizione di tutte le Nazioni della terra.

Sara muore a 127 anni, e Abramo poi risposa con Ketura dalla quale ha 6 figli. Muore infine a 175 anni.

Abramo, l’uomo del primo patto con Dio, è così importante come figura che spesso il Signore è anche chiamato “Dio di Abramo“.

Insomma unimamme, se la storia di Abramo vi ha colpito, perché non sceglierlo come nome per vostro figlio?

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore