AngelaCare unimamme, oggi festeggiamo Angela, nome molto diffuso in Italia, che deriva dal latino Angela, a sua volta basato sul greco άγγελος (ággelos), che significa “messaggero”. Questo nome viene solitamente associato agli angeli che sono proprio i messaggeri di Dio.

Chi porta questo nome è una persona serena, gentile e pacifica. È un’ottima amica e consigliera, nonché una fedele compagna. Ama la vita tranquilla e confortevole. Riesce a organizzare e a pianificare ogni suo impegno.

Varianti del nome:

  • Angiola
  • Angelina

I simboli associati al nome sono:

  • numero fortunato: 5
  • colore: viola
  • pietra: ametista
  • metallo: oro

Il Santo del Giorno: Sant’Angela Merici

Per quanto riguarda il santo, il 27 gennaio si festeggia Sant’Angela Merici, (Desenzano del Garda, 21 marzo 1474 – Brescia, 27 gennaio 1540) è stata la fondatrice della Compagnia delle dimesse di sant’Orsola.

Angela nasce a Desenzano, rimane orfana all’età di dieci anni e si trasferisce, con sua sorella, a Salò dallo zio. Quando la sorella muore, Angela si dedica alla preghiera per la pace dell’anima della sorella e prega Dio di rivelarle la condizione della stessa. Infatti, ha una visione nella quale la sorella è in Paradiso in mezzo agli angeli.

A vent’anni anche lo zio muore e lei ritorna nella casa natia che trasforma in una scuola dove insegna alle bambine di Desenzano gli elementi fondamentali del Cristianesimo.

Il 25 novembre 1535, sceglie 28 vergini e fonda l’ordine delle Orsoline in una piccola casa nei pressi della Chiesa di Santa Afra a Brescia approvata l’8 agosto 1536 dal vicario Generale del Vescovo di Brescia, Lorenzo Muzio.

Angela muore il 27 gennaio 1540, quando la Compagnia delle Orsoline ha , ormai, circa 150 figlie. Il suo corpo viene  sepolto nella chiesa di S. Afra (attuale Sant’Angela Merici) a Brescia, dove si trova ancora oggi, per un mese intero senza subire alcuna alterazione.

Viene proclamata santa da papa Pio VII il 24 maggio 1807.

È la patrona della città di Desenzano.

L’ordine delle Orsoline è il primo nonché il più importante ordine insegnante della Chiesa cattolica romana, ed è diffuso in tutto il mondo.

Allora unimamme, vi basta o avete bisogno di altre notizie per chiamare la vostra bimba come questa donna degna di ammirazione?