numero di figli

Ritornare in forma dopo la gravidanza è la preoccupazione di molte donne. Secondo uno studio scientifico se una donna vuole restare in forma anche più avanti negli anni non dovrebbe avere troppi figli. Una conclusione che, ci scommettiamo, farà molto discutere.

Il numero di figli consigliato per restare in forma

La gravidanza, l’allattamento al seno e la cura dei figli sono attività bellissime, ma molto impegnative per una donna, a cominciare dal fisico, che inevitabilmente ne subisce il carico.

Ora uno studio scientifico dell‘Università di Bath, guidato dall’Università Jagiellonian in Polonia, sostiene che le donne non devono fare troppi figli se vogliono mantenere la linea anche più avanti negli anni. Le donne che vogliono mantenersi in forma e giovani dovrebbero dunque prendere in considerazione il fatto di avere una famiglia più piccola.

Secondo gli studiosi il numero di figli consigliato per una donna è di due al massimo. Un responso che non piacerà a molte mamme, soprattutto quelle che hanno più di due figli.

In tarda età, sostengono i ricercatori inglesi e polacchi, le donne con tanti figli riceveranno più visite, ma avranno anche un viso più “cadente” e un colore della pelle più scuro. Non proprio una bella cosa da dire ad una donna, mamma o meno che sia.

Le conseguenze negative sul fisico di una donna di un numero di figli superiore a due dipendono ovviamente dal peso che gravidanze, allattamento al seno e cura dei figli hanno inevitabilmente sul corpo. Ogni bambino messo al mondo, spiegano i ricercatori, aumenta lo stress ossidativo, una sorta di squilibrio chimico responsabile dell’invecchiamento precoce.

Nello studio le fotografie di donne di mezza età sono state sottoposte al giudizio di più di 500 persone, che hanno ritenuto più belle, sane e giovani le donne che avevano meno figli. Le foto sono state mostrate a 571 estranei, che ovviamente non conoscevano le donne ritratte.

Gli studiosi hanno spiegato così i risultati dell’esperimento: Abbiamo dimostrato che le donne in post-menopausa con meno figli erano ritenute più attraenti, più giovani e più sane delle donne con più bambini, sia dagli uomini che dalle donne“.

Il numero dei figli di una donna, tuttavia, non incide solo sull’aspetto esteriore, ma anche sulla salute. Il peso delle gravidanze, dell’allattamento e della cura ed educazione dei figli aumenta anche i rischi di malattia.

Lo studio delle università di Bath e Jagiellonian  è stato pubblicato sull’American Journal of Physical Anthropology.

Questo studio però non è l’unico: un altro studio pubblicato un anno fa e condotto da antropologi dell’Università di Yale ha trovato la prima evidenza scientifica che la maternità potrebbe accelerare il processo di invecchiamento nelle donne. Lo studio ha preso in esame 100 donne in post-menopausa, prelevando le loro del sangue, dal quale è risultato che le donne che erano rimaste incinte almeno quattro volte mostravano maggiori segni di danni al DNA.

Gravidanza, allattamento e assistenza all’infanzia richiedono un elevato dispendio di energia e un maggiore apporto di sostanze nutritive, pertanto le donne con un alto investimento genitoriale, dovuto a gravidanze multiple, spesso corrono un rischio maggiore di contrarre malattie e hanno una durata della vita ridotta“, questo l’impietoso responso dei ricercatori inglesi e polacchi.

A questi problemi si aggiungono i danni al DNA, noti come stress ossidativo, che accelerano l’invecchiamento del viso, colpendo in particolare il rilassamento e la pigmentazione della pelle.

Gli studi dimostrano che la pelle più scura invecchia perché proviene da anni di esposizione al sole. Se il danno al DNA fa sì che la pelle diventi ancora più scura, questo rende le donne ancora più vecchie.

E voi unimamme che ne pensate? Sicuramente non è una notizia che fa piacere ma dimostra quanto sacrificio è richiesto alle mamme.

Sui cambiamenti per una donna che ha figli, vi ricordiamo il nostro articolo: “Non è la stessa donna che hai sposato”: il messaggio di una mamma è virale