Care unimamme, sappiamo bene che il nostro corpo reagisce ogni volta diversamente a una gravidanza. Ciò che viviamo la prima volta non è  detto che si ripeta anche nelle successive (pensiamo ad esempio alle nausee).

Lo sa bene Chontel Duncan, una mamma di cui in passato abbiamo conosciuto perché è una personal trainer che ha pubblicato durante la sua prima gravidanza la foto di lei e una sua amica in palestra, entrambe incinte, ma con 4 settimane di differenza e la foto aveva stupito tutti.

Gravidanze a confronto: le foto di una mamma sono virali

Ora questa mamma incinta per la seconda volta, continua a credere nel fatto che ogni donna è diversa e anche ogni gravidanza.

Ha infatti ammesso di aver avuto un problema nella prima gravidanza che invece nella seconda non ha vissuto: la ritenzione idrica. Quasi tutte le mamme ne soffrono, ma com’è chiaro, ognuna a modo suo e chi più chi meno.

I piedi gonfi in gravidanza sono spesso una conseguenza della gravidanza, soprattutto nell’ultimo periodo e indicano che c’è ristagno di liquidi corporei nei tessuti. Salvo complicazioni, il problema sparisce dopo aver partorito.

Anche questa mamma ne ha sofferto, ma solo nella prima gravidanza, come dimostra la foto pubblicata su Instagram con la seguente descrizione:

Sto generando una fobia dei piedi in tutto il mondo con questo post ma questa è la cruda verità di come i miei liquidi corporei siano stati pessimi alla fine della mia prima gravidanza”.

A sinistra si vede il piede alla fine della sua prima gravidanza, a destra invece il piede a 39 settimane della sua seconda gravidanza.

Intervistata da TheStir questa mamma ha dichiarato che è rimasta affascinata da come una donna, non facendo nulla di diverso nelle sue gravidanze, incinta dello stesso partner, con il nascituro dello stesso sesso del primo figlio, possa rilevare così tante differenze.

E aggiunge: “voglio che le altre capiscano che non è che se una donna ha avuto una brutta esperienza anche tu l’avrai, E anche che se la tua prima gravidanza è stata un’orrenda esperienza ciò non significa che la tua prossima lo sarà e viceversa“.

E voi unimamme, che ne pensate? Anche voi avete notato diverse differenze?