Home Mamma & Co. Accade nel mondo Un ragazzo in coma è “tornato in vita” grazie all’olio di pesce...

Un ragazzo in coma è “tornato in vita” grazie all’olio di pesce (FOTO)

CONDIVIDI

ragazzo curato con l'olio di pesce

Un ragazzo di 16 anni che ha avuto un grave incidente e che era creduto praticamente morto è tornato in vita grazie all’olio di pesce.

Ragazzo curato con l’olio di pesce: la sua incredibile storia

Nel 2010 Bobby Ghassemi stava guidando velocemente lungo una strada delle Virginia quando è stato colpito da un camion finendo fuoristrada.

Quando i paramedici sono arrivati lui era già in coma, vivo a stento.

Il sedicenne aveva un punteggio del Coma di Glasgow pari a 3. Il dottor Michael Lewis aggiunge: “un pezzo di mattone ha un punteggio uguale, è morto”.

Il cervello del ragazzo era così gonfio che i medici hanno dovuto allentare la pressione prelevando porzioni del cranio.

Bobby aveva anche l’anossia cerebrale, un sanguinamento soffuso in ogni parte del cervello.

“Sentite è un miracolo che sia sopravvissuto, se esce dal coma non sappiamo se sarà un vegetale o se ricorderà qualcuno” ha specificato il medico.

Dopo 10 giorni Bobby era in coma ma stabile, così suo padre Peter ha deciso di smuovere la situazione, un medico ha suggerito l’olio di pesce.

“Se c’era una possibilità di miglioramento, volevo che la provassero subito”.

L’olio di pesce, in precedenza, era stato usato per trattare ferite al cervello devastanti come quelle del figlio di Peter. Il caso risaliva al 2006 e riguardava Randal McCloy, l’unico sopravvissuto del disastro minerario in West Virginia.

Quando era stato estratto il suo cervello era stato gravemente danneggiato dal monossido di carbonio e dal metano. Il minatore era in condizione disperate, come Bobby. McCloy era poi stato stabilizzato ma c’era poco che si potesse fare per diminuire l’ondata di infiammazione e la morte delle cellule nel cervello. L’uomo era stato trattato con cicli di camera iperbarica e alte dosi di olio di pesce.

“Cercavamo di ricostruire il suo cervello con ciò di cui era costituito quando era nell’utero della mamma”.

Secondo il dottor Lewis alte dosi del fattore acido omega 3 nell’olio di pesce possono aiutare il naturale processo di guarigione del cervello.

“Avete un muro che viene danneggiato, non usereste altri mattoni per ripararlo? I fattori acidi omega 3 sono in effetti i mattoni del muro di cellule nel cervello“.

La maggior parte degli studi sull’omega 3 utilizzato per guarire il cervello sono sugli animali. Una ricerca del National Institutes of Health suggerisce che i grassi dell’omega 3 possono inibire la morte delle cellule e possano essere usati per riconnettere i neuroni danneggiati.

Un altro studio ha rivelato i geni che vengono attivati per contenere un danno grave quando il cervello viene ferito. Ciò che attiva questi geni è l’omega 3.

L’olio di pesce potrebbe essere l’unica soluzione per un danno al cervello che si protrae dopo che la persona si è stabilizzata, sostengono i medici che lo consigliano.

Il dottor Bailes, che aveva partecipato al recupero di McCloy, dopo aver consultato un esperto di olio di pesce, ha deciso si somministrare al paziente 20 grammi al giorno di Omega 3 attraverso un tubo per il passaggio del cibo in modo che potesse riparare anche la mielina.

3 settimane dopo dopo il disastro in miniera McCloy è uscito dal coma, tre mesi dopo camminava e parlava.

Peter desiderava provare la stessa cosa sul figlio ma i medici erano scettici sui risultati.Alla fine però a Bobby è stato somministrato olio di pesce.

2 settimane dopo Bobby ha iniziato a uscire dal coma. “Intorno alla quinta o sesta settimana c’è stato qualche movimento, poi la sua gamba ha iniziato a muoversi”. Poco dopo Boyy ha mostrato di iniziare a riconoscere i famigliari e distinguire numeri e colori. Il suo cervello ha iniziato a recuperare.

Peter è convinto che sia stato merito dell’olio di pesce. “Il suo cervello era danneggiato e questo è stato cibo per il cervello”.

Tre mesi dopo l’incidente Bobby ha potuto partecipare alla consegna dei diplomi.

“Tutta la scuola era felice per me, erano in piedi e gridavano il mio nome” ricorda Bobby, ora ventenne, su CNN.

Solo negli Usa 1,7 milioni di persone soffrono di traumi relativi al cervello. La ricerca sugli Omega 3 potrebbe funzionare per gli ictus, il Parkinson e l’Alzheimer precoce.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa storia?

Noi vi lasciamo con la vicenda di un uomo che si è svegliato dopo 5 anni di coma.


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it