Oggi si polemizza molto sull’eccessiva medicalizzazione della gravidanza: prima gli esami ed ecografie, forse in sovrannumero, poi il ricorso al cesareo anche se non necessario sono alcuni dei motivi per i quali la nascita viene considerata troppo legata alla medicina e non alla naturalezza dell’evento.

In realtà il parto vaginale, meglio conosciuto come parto naturale (anche se questa definizione trova in disaccordo diverse donne ed esperti), è fortunatamente il caso più comune, anche se in alcuni paesi ed anche regioni di Italia questo sta cedendo il passo al parto cesareo, e non per scelta della donna.

Per chi ha intenzione e non incontrerà problemi, 10 cose da sapere e cosa fare prima di un parto naturale:

– i motivi per cui partorire è doloroso indagati dalla scienza —> Clicca QUI

– l’importanza del supporto alla mamma durante il parto —> Clicca QUI

– 7 cose da sapere se si partorisce in ospedale —> Clicca QUI

– il parto naturale va bene anche per i gemelli —> Clicca QUI

– come ridurre il dolore durante il parto naturale —> Clicca QUI 

– cosa possono fare le ostetriche —> Clicca QUI

– come partorire senza dolore secondo la scienza —> Clicca QUI

– ecco perché partorire è come praticare uno sport estremo —> Clicca QUI

– il piano del parto: cos’è e come scriverlo —> Clicca QUI

– cosa provano i bambini durante il parto —> Clicca QUI

Unimamme, queste sono solo alcune delle cose da sapere, ma non sono poche e soprattutto alcune sono davvero importanti. Voi aggiungereste qualcosa?