Morta di tumore Sveva, la bambina che giocava a basket (Foto: @Italbasket/Twitter)

Addio alla piccola Sveva, la bambina che giocava a basket non ce l’ha fatta, l’ha portata via il cancro.

Non ce l’ha fatta Sveva, la bambina di 8 anni malata di tumore che era conosciuta nel mondo della pallacanestro italiana dopo che la sua storia era stata raccontata sui social dallo zio. Sveva apparteneva ad una famiglia di cestisti e anche lei giocava a basket. Purtroppo nel 2018 si è ammalata di cancro. Nonostante le cure e la vicinanza della famiglia e di tutto il mondo del basket italiano, la malattia è stata più forte. Commossi i messaggi di cordoglio per la piccola.

Morta la piccola Sveva, la bambina che giocava a basket malata di tumore

Sveva era una bambina di 8 anni che giocava a basket a Trieste. Era diventata “famosa” nel mondo della pallacanestro quando lo zio raccontò sui social la storia della sua malattia nel maggio del 2018.

Mi chiamo Giulio – aveva scritto lo zio – e siamo una famiglia triestina di cestisti. Mia nipote Sveva, giocatrice del Basketrieste, sta giocando la partita più importante della sua vita contro un male che non vuol farle fare più canestri! Stiamole tutti vicino con un bel #iotifosveva. Grazie di cuore!”.

Un messaggio che aveva commosso e raccolto numerosi messaggi di solidarietà. I giocatori italiani di basket, dilettanti e professionisti, si erano stretto intorno a Sveva e alla sua famiglia.

Tantissimi i messaggi di incoraggiamento arrivati alla piccola Sveva, insieme ai video di sostegno inviati da Gigi Datome, Peppe Poeta, Raffaella Masciadri, Cecilia Zandalasini, Danilo Gallinari. Tutti nella pallacanestro italiana hanno voluto dare un contribuito per aiutare la bambina anche solo regalandole un sorriso.

LEGGI ANCHE –> BAMBINI MALATI DI CANCRO, IMPRESSIONANTE IL NUMERO DI ANNI PORTATI VIA DALLA MALATTIA

Sveva sentiva l’affetto attorno a sé e diceva alla mamma di sentirsi “famosa e amata”. I genitori, insieme al fratellino Leonardo e alla sorellina Greta le hanno dato tutto l’amore e il sostegno che potevano darle, cercando di non mostrarsi mai tristi. Nonostante il tumore, Sveva era sempre sorridente e positiva, una bambina piena di risorse.

Purtroppo il tumore al rene che l’aveva colpita un anno e mezzo fa è stato più forte. Sveva non ce l’ha fatta, è venuta a mancare in questi giorni.

Profondo è il cordoglio di tutto il mondo del basket italiano. Per salutare e rendere omaggio alla piccola Sveva la Fip ha raccolto la proposta di dedicare alla bambina su tutti i campi di basket non un minuto di silenzio, ma un minuto di applausi. Un grande applauso collettivo al suo coraggio e a quello di tutti i bambini e le famiglie che lottano.

Nell’addio a Sveva, la bambina che amava il basket, il messaggio più commovente è quello di mamma Marta.

Ora sei libera… vai e corri a perdifiato sui prati più verdi, fatti una bella sciata sulla neve più soffice, tuffati nelle acque più cristalline… Fai tutto ciò che da troppo tempo ti è stato precluso… Però poi, amore mio, torna da noi sotto forma di energia e regalaci un po’ della tua forza e del tuo coraggio perché ne abbiamo davvero bisogno. Per sempre nel nostro cuore dolce guerriera. Mamma, papà, Leonardo e Greta“.

Che dire unimamme, noi leggendo queste parole ci siamo commossi.

La storia di Sveva è stata riportata dalla Gazzetta dello Sport.