pipì per strada
(iStock)

Pipì per strada in centro a Bologna, maxi multa per un ragazzo di 23 anni.

Una pipì per strada è costata carissima a un giovane di 23 anni di origine tedesca, sorpreso ad orinare contro un muro nel centro di Bologna. Il giovane si ricorderà a lungo il suo gesto per via della multa da capogiro che gli ha fatto la polizia sorprendendolo sul fatto. Ecco cosa è successo.

Pipì per strada in centro a Bologna: multa da 5 mila euro

Non si orina per strada, è una norma di civiltà e di buona educazione che dovremmo conoscere tutti, mentre orinare all’aperto è un atto vietato dalla legge e sanzionato. Si tratta di un vero e proprio reato, “atti contrari alla pubblica decenza“, che è stato depenalizzato e oggi viene punito con la sola sanzione amministrativa, ma non c’è da scherzarci.

LEGGI ANCHE -> BAGNI DELLA SCUOLA SPORCHI: LA PRESIDE DÀ IL VIA AL “REGISTRO DELLA PIPì”

Se i bagni pubblici non sono sempre facili da trovare non lo sarà invece un locale con un bagno aperto al pubblico. Soprattutto se parliamo di città abbastanza grandi da avere questi servizi, come Bologna. Con un po’ di sforzo e di buona volontà si trova un bagno pubblico per evitare di fare i bisogni in giro. È una questione di rispetto dei luoghi che si frequentano e alla fine anche di sé stessi.

Eppure non tutti la pensano così, visto che le persone – uomini – che vengono sorpresi ad orinare in strada non sono pochi, soprattutto se si tratta di giovani. Fare pipì in strada, però, non solo sporca le città ma è anche un atto contrario alla pubblica decenza che può essere pesantemente sanzionato. In città universitarie e turistiche come Bologna, che abbiamo citato non a caso, diversi ragazzi sono stati sorpresi ad orinare per le vie e i vicoli della città, usati come toilette improvvisate.

Purtroppo diversi giovani quando escono dai locali dove hanno bevuto non si fanno scrupoli ad usare la strada come gabinetto, invece di utilizzare i bagni pubblici o quelli dei locali frequentati.

Una situazione che nella città universitaria di Bologna è diventata insostenibile, per questo motivo si è deciso di correre all’inflessibilità, applicando le multe salatissime, già previste dalla legge peraltro.

È quello che è accaduto ad un ragazzo di 23 anni di origine tedesca che è stato scoperto mentre orinava contro un muro in pieno centro a Bologna, in via de’ Coltellini. È accaduto nella notte tra il 9 e il 10 settembre, intorno a mezzanotte e mezza. Il giovane è stato sorpreso sul fatto dalla polizia, mentre una pattuglia passava sul posto in quel momento esatto. Gli agenti stavano facendo rientro nel vicino commissario di polizia.

Il giovane non si è scelto un luogo così sicuro per fare i suoi bisogni. Appena gli agenti lo hanno scoperto si sono fermati, lo hanno invitato a rivestirsi e poi gli hanno comminato una multa salatissima da 5 mila euro. Al giovane sono stati contestati gli atti contrari alla pubblica decenza.

Si tratta del terzo episodio che si verifica questa estate in provincia di Bologna, come riporta Repubblica. Solo che negli altri casi è stata applicata la multa ordinaria da 3.333 euro. A ragazzo tedesco invece è andata peggio. Certo che fare pipì sul muro vicino al commissariato di polizia non è una gran mossa.

Che ne pensate unimamme di questo episodio? E secondo voi come si può arginare questa pessima abitudine che hanno alcuni giovani? Forse la scuola potrebbe essere di aiuto, con l’insegnamento dell’educazione civica, per il quale tuttavia si dovrà aspettare il prossimo anno scolastico, dato che è stato rimandato ancora una volta. Educazione civica e rispetto andrebbero insegnati a livello europeo, visto che in questo caso il responsabile dell’atto incivile è un ragazzo tedesco e che purtroppo comportamenti maleducati o veri e propri atti vandalici non sono infrequenti da parte dei turisti stranieri che visitano l’Italia.