Home Figli Educazione I giovani di oggi: cosa è cambiato rispetto a 20 anni fa?

I giovani di oggi: cosa è cambiato rispetto a 20 anni fa?

CONDIVIDI

Quando guardo le mie figlie so che sono loro la mia idea di futuro. Però sinceramente non so quale sarà il mondo per loro: certo, avranno molte più possibilità, ma forse questo significherà che saranno anche più incerte.

A guardare i risultati del sondaggio dell‘Osservatorio di Demos-Coop e presentato su Repubblica, i giovani d’oggi sono piuttosto in crisi, anche se forse loro non lo sanno.

I giovani di oggi tra famiglia e voglia d’indipendenza 

Per esempio i giovani adulti (che poi per età non sarebbero poi così giovani) – ovvero quelli che hanno un’età compresa tra i 15 e i 36 anni – si ritrovano a vivere un futuro incerto e forse per questo procrastinano l’ingresso nel mondo delle responsabilità cercando di essere sempre giovani.

L’indagine, chiedendo alle diverse generazioni quando finisce la gioventù e inizia la vecchiaia hanno risposto:

  • fra quelli che non superano i 36 anni, si finisce di essere giovani a 42 e si inizia ad essere vecchi a 70 anni
  • fra quelli che hanno dai 37 ai 51 anni, si è adulti – e non vecchi – dai 51 ai 76 anni 
  • fra quelli che hanno tra i 52 e i 71 anni la gioventù finisce a 59 anni e la vecchiaia inizia a 78
  • e infine per gli anziani, quindi dai 72 anni in poi la vecchiaia inizia solo a 80 anni e si smette di essere giovani a 62.

In media, la gioventù durerebbe fino ai 52 anni e la vecchiaia inizierebbe a 76.

In sostanza, si vuole allungare la giovinezza e di conseguenza negare la vecchiaia (basti vedere che molte donne di 50 anni che ne dimostrano almeno 10 in meno).

Un altro punto di differenza rispetto al passato è la famiglia: mentre un tempo – neanche troppo lontano per la verità – la si contestava e gli scontri tra figli e genitori hanno costituito anche un periodo storico (parlo della fine degli anni Sessanta e i Settanta), oggi la famiglia, seppur spesso contestata e in crisi, continua ad essere un punto di riferimento: essa è quell’appiglio a cui i giovani si aggrappano per conquistare l’indipendenza (anche se poi non li si lascia andare a casa da scuola anche se sono alle medie).

Allo stesso tempo però è forte anche la voglia di indipendenza: fare carriera è infatti un obiettivo per il 41% dei più giovani (nei primi anni 2000 la percentuale era del 31%).

Nonostante poi si abbiano a disposizione più mezzi tecnologici ci si sente più soli: il 39% , quasi 4 ragazzi su 10, ammettono di “sentirsi soli”. Non basta infatti comunicare attraverso lo schermo di un cellulare o di un computer per avere tanti amici, visto che si è sempre da soli davanti ad uno strumento tecnologico.

In quest’epoca di individualità, anche le passioni collettive come la politica o la religione sono molto meno importanti. Solo il 14% considera importante la politica e il 7% la religione.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di generazione Z: i giovani d’oggi. 


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it