fratello e sorella in sovrappeso seduti sul divano davanti alla tv mangiano cibo da asporto

Il vostro bimbo non dorme abbastanza?

Può diventare un problema.

I cosiddetti short sleepers (coloro che hanno il sonno “corto”, che dormono poco) hanno per ogni ora di sonno mancato,  il 9% di possibilità in più di ingrassare rispetto a chi dorme un numero di ore maggiori.

Il dato è messo in luce dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale ( SIPPS) per comprendere quanto sia importante la funzione del sonno non solo per quanto riguarda la gestione della giornata e delle attività da svolgere  ma anche per quello che riguarda le conseguenze di un troppo poco sonno sulla forma fisica dei bambini.

Anche se non possiamo parlare di regola ferrea circa il numero obbligatorio di ore di sonno da rispettare ( diciamo che in generale le ore consigliate variano da 8 ore a 11 ore per i bambini),  i bimbi che dormono meno di questo quantitativo di ore sono quelli che presentano un maggiore Indice di Massa Corporea (BMI), come si legge sul comunicato stampa pubblicato da West.

Questo dato dipende da diversi fattori:

  • nei bambini ma anche negli adolescenti in cui il numero di ore dormite è inferiore a 8 aumenta il tempo per mangiare cibi magari con troppi grassi, il cosiddetto junk food ovvero il cibo spazzatura ( pizza, panini, fritti) cibi che poi non vengono smaltiti e provocano  un sensibile aumento di peso
  • aumenta la stanchezza a causa del poco riposo e con essa  quindi diminuisce la disponibilità a fare attività fisica
  • aumenta anche il livello dell’appetito in coloro che dormono meno di 8 ore al giorno e quindi accanto al tempo in più in cui si sta svegli e si può mangiare si riscontra anche una maggiore voglia di mangiare.

Insomma una salute migliore passa anche dal sonno, una necessità ma anche una buona abitudine per i nostri bimbi, per il loro metabolismo e quindi anche per il loro livello di energia.

E ora… a nanna!