Cambio del pannolino a un neonatoAltroconsumo ha analizzato diversi marchi di salviettine umidificate per neonati e bambini piccoli. Ecco i risultati ottenuti.

L’associazione italiana dei consumatori, Altroconsumo, ha testato 30 marche di salviettine umidificate che, di solito, vengono usate per il cambio pannolino dei neonati e dei bambini.

Le salviettine, di note marche, sono state valutate in base alle aspettative di chi le utilizza ed alla loro composizione.

Le migliori e le peggiorni marche di salviettine umidificate per neonati: noti marchi non si trovano al primo posto

Il modo migliore per lavare i bambini piccoli e neonati quando bisogna cambiargli il pannolino è sicuramente acqua e sapone, ma a volte è difficile trovarli e quindi si ricorre alle salviettine umidificate, ad esempio quando si è fuori casa o in viaggio.

Altroconsumo ha deciso di coinvolgere i suoi soci e non nella sua ultima analisi che riguarda le salviettine. I prodotti analizzati sono stati valutati sia in base alla soddisfazione nell’uso da parte dei genitori e rispetto alla qualità e alla lista ingredienti.

Per l’analisi sono state inviate a 158 persone, tre confezioni a testa di marchi di salviettine per bambini e le istruzioni per valutarle. Inoltre sono state testate 30 marche da un laboratorio per valutare gli ingredienti. Le marche scelte vanno da quelle più note, ai prodotti di supermercati e discount ma sono state analizzate anche quelle vendute nelle farmacie e nelle erboristerie.

Come riportato da Altroconsumo, i fattori che sono maggiormente rilevanti per i consumatori sono:

  • la consistenza, meglio spessa, a nido d’ape, non troppo umida,
  • la chiusura rigida a clip, molto più pratica,
  • la fragranza, che deve essere fresca, ma non troppo intensa.

Inoltre i consumatori tendono a scegliere in base alla profumazione e agli ingredienti, facendo particolarmente attenzione a quelli naturali.

E’ importante saper leggere un’etichetta, in media, i prodotti testati hanno circa 13 ingredienti. L’ingrediente principale è l’acqua e poi le sostanze lavanti. Inoltre più le sostanze sono in fondo alla lista più sono presenti in minore quantità, che non consentono di caratterizzare il prodotto. Il consiglio di Altroconsumo è quello di preferire i prodotti con l’etichetta più corta, ossia con il numero più limitato di ingredienti.

Dalle analisi delle salviettine sono stati identificati 125 ingredienti diversi. Per fortuna i tanto discussi parabeni non erano presenti in nessuno dei marchi, ma un terzo di questi presenta ancora un altro conservante critico, il fenossietanolo,  “sconsigliato dall’Agenzia per la sicurezza francese perché ha evidenziato un potenziale rischio per i bambini sotto i 3 anni”.

Leggi anche > FENOSSIETANOLO NEI PRODOTTI PER BAMBINI, PERCHE’ SE NE PARLA

Inoltre bisogna fare attenzione anche ad alcune sostanze naturali, come il limonene o linalool, che possono causare delle allergie.

Come riportato anche da Greenme, le salviettine che sono state considerate di ottima qualità sono nove:

  • Baby Confort Fresh e Clean
  • Hipp viso e mani
  • Fria baby Sensation
  • Conad baby
  • Coop crescendo
  • Mustela multiuso pelle normale
  • Chicco salviettine detergenti
  • Selex primi anni, salviette per bimbo in cotone
  • Nati Eco

Di qualità buona sono stati considerati altri 6 marchi:

  • Talco non talco rinfrescanti lenitive
  • Biogenya baby eco natural
  • Pampers Baby fresh
  • La Saponaria, salviette detergenti delicate
  • Erbolario le salviette dei piccoli
  • Cosmia Baby salviette freschezza

Di seguito tutti marchi analizzati

Credits: Altroconsumo

A sorpresa alcuni dei marchi più famosi, come Fissan e Consilia, non hanno avuto grandi risultati. In ultima posizione le salviettine detergenti a marchio il Gigante.

Voi unimamme usate una o più di queste marche di salviettine? leggete bene le etichette o vi fidate del nome del marchio?