Un professore che gira col martello terrorizza tutti.

insegnante col martello
Siamo terrorizzati”: studenti spaventati da un insegnante con un martello Universomamma.it

Unimamme, oggi condividiamo con voi una storia che ha dell’incredibile perché si pensa che a scuola i bambini e i ragazzi dovrebbero stare con persone equilibrate e sicure.

Prof fa paura a tutti

A quanto pare questo non è quello che sta avvenendo presso l’istituto tecnico Meucci di Firenze dove un prof. sta terrorizzando alunni e colleghi. L’uomo, le cui iniziali sono A.V. gira per scuola con un bastone e un martello nella borsa, inoltre ha un atteggiamento minaccioso con gli altri insegnanti, il personale della segreteria e gli studenti. Il preside dell’istituto ha perfino presentato una denuncia ai carabinieri di Legnaia. “Abbiamo un grosso problema. Ho fatto tutto quel che potevo fare”. Questo insegnante molto problematico è arrivato in settembre come supplente di chimica.

Da due settimane l’uomo è sospeso dal suo ruolo. Il direttore dell’ufficio scolastico, Roberto Curtolo ha commentato: “abbiamo aperto un provvedimento disciplinare e comminato la sanzione”. L’insegnante però si è presentato lo stesso a scuola e il dirigente ha dovuto chiamare i carabinieri. “Se al suo ritorno dovesse tenere altri comportamenti sanzionabili, procederemo di nuovo.  Le tutele per i lavoratori della scuola che pure palesano comportamenti anomali sono elevate”. I colleghi, come sottolineato, sono molto spaventati .Non sappiamo che reazione potrebbe avere. Alcuni di noi hanno bloccato le sue email da quanto sono offensive e deliranti. Come è possibile che una persona così possa stare in classe se è vero che un giudice richiese una perizia psichiatrica?”

LEGGI ANCHE > UN INSEGNANTE HA IL PRIVILEGIO DI CAMBIARE LA VITA DEI SUOI STUDENTI

Il supplente in questione, in passato, ha già avuto dei problemi non trascurabili per qualcuno che voglia dedicarsi alla docenza, è stato segnalato per rumori molesti di notte, 2 tombini fatti esplodere. Nel 2016 è stato persino arrestato per falsa attestazione sull’identità personale, resistenza.  “La nostra è una scuola di valore. Abbiamo sempre lavorato in un clima sereno. È assurdo essere suoi ostaggi. Speriamo venga interdetto dall’insegnamento”. Uno dei ragazzi ha voluto dar voce al pensiero comune: “siamo terrorizzati”. Unimamme, cosa ne pensate di quanti riportato su La Nazione?

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.