antidolorifici

Solitamente si crede che la Sindrome da Astinenza Neonatale (NAS) sia associata all’uso di droga delle mamme incinte, ma una recente ricerca ha evidenziato che questa si può verificare anche nei figli delle donne che hanno assunto farmaci per mitigare i dolori durante la gravidanza.

Una ricerca portata avanti dalla Vanderbilt University Medical Center ha dimostrato che alle donne incinte vengono normalmente somministrati farmaci contenenti oppiacei, narcotici come l’idrocodrone che portano a un aumento della Sindrome da Astinenza Neonatale.

Antidolorifici e gravidanza: quali effetti sui bambini?

Lo studio, dal titolo: “Prescrizione Epidemica degli Oppiacei ed effetti sui Bambini” si è svolta nel seguente modo:

  1. sono state considerate 112,029 donne incinte
  2. si stima che il 28%  o 31354 sia stato prescritto o riempito almeno un antidolorifico oppiaceo
  3. dei bambini con il NAS il 65% ha avuto mamme che hanno ricevuto prescrizioni per antidolorifici oppiacei

I risultati, pubblicati sulla rivista medica Pediatrics, hanno rilevato che i bambini le cui mamme avevano assunto questi farmaci:

  1. sono nati pretermine
  2. hanno avuto nascite molto complicate
  3. erano sottopeso alla nascita
  4. hanno avuto complicazioni come la Sindrome da aspirazione del meconio
  5. hanno sperimentato stress respiratorio

 “Per correttezza bisogna sottolineare che non tutti i bambini che sono stati sottoposti gli oppioidi successivamente sviluppano una Sindrome da Astinenza, le ragioni però non sono del tutto chiare. Il nostro studio ha rilevato che diversi fattori aumentano i rischi per la salute del bambino. Tra di essi il periodo di durata degli oppiacei, il tipo di prescrizione per questi farmaci, il numero di sigarette fumate da una donna, l’uso di antidepressivi” ha riferito Stephen Patrick, a capo della ricerca.

La ricerca ha dimostrato anche che le donne che hanno assunto questi antidolorifici hanno maggiori probabilità di:

  1. soffrire di ansia e depressione
  2. soffrire di mal di testa
  3. avere malattie muscolo scheletriche

La forza di questo studio si fonda sul fatto che è il primo ad analizzare le prescrizione legali ricevute dalle donne incinte.

Il problema è molto sentito in un Paese come l’America in cui le prescrizioni per questi farmaci sono quadruplicate in pochi anni.

Si stima che solo nel 2012 siano state effettuate 259 milioni di prescrizioni di questo tipo, mentre il trattamento medico per i bambini con la Nas ammonta a 720 milioni.

Sempre in America è stato istituito un database per monitorare le prescrizioni.

Qualche tempo fa un’altra ricerca su farmaci durante il travaglio e difficoltà con l’allattamento al seno metteva in guardia circa l’uso di alcuni medicinali.

Unimamme e voi cosa ne pensate di questi risultati?
A voi hanno prescritto antidolorifici durante la gravidanza?

Vi hanno spiegato le controindicazioni?

Dite la vostra se vi va.

 

 

 

 

(Fonte: Mirror.co.uk/EurekAlert.org)