“Da tanto ci preparavamo per questo”: bambino nato dopo trapianto di utero

Negli Stati Uniti è nato il primo bambino grazie al trapianto di utero da una donatrice deceduta.

Per la prima volta negli Stati Uniti, una donna nata senza utero ha avuto un bambino. E’ accaduto al Baylor University Medical Center di Dallas. “Ci siamo preparati a lungo per questo momento” – ha detto la dottoressa  Liza Johannesson, ginecologa e chirurgo uterino a Time – “Penso che tutti abbiamo pianto quando il bambino è uscito. Io sì”. La donna che è diventa mamma e suo marito hanno chiesto di rimanere anonimi.

Primo bambino americano nato da una donna senza utero 

Le donne che hanno partecipato alla sperimentazione hanno quella che si chiama infertilità assoluta uterina, che significa che il loro utero non funziona o è inesistente. Molte delle donne hanno una condizione chiamata sindrome Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser (MRKH) e hanno vissuto la loro intera vita con l’idea che non sarebbero mai potute rimanere incinte o avere un bambino. La procedura può funzionare anche per le donne che hanno altri problemi medici, come alcuni tipi di cancro.

Il parto era stato programmato con un cesareo e molti dei membri del team multidisciplinare erano presenti. Il bambino è nato in salute e piangendo. “Ho fatto nascere moltissimi bambini, ma questo è speciale” ha detto a Times il  Dr. Robert T. Gunby Jr., l’ostetrico e ginecologo che ha fatto nascere il piccolo. “Quando ho iniziato la mia carriera non avevamo le ecografie. Adesso possiamo guardare negli uteri di qualcun altro e far concepire un bambino”.

Partecipare alla sperimentazione significava essere ricoverate per 12 settimane: le donne hanno avuto un trapianto di utero da una donatrice deceduta. Sono stati fatti 10 trapianti di utero nella prima parte della sperimentazione: finora 8 hanno avuto successo. L’ospedale ha inoltre confermato che c’è un’altra donna che è incinta dopo il trapianto.

Il primo trapianto di utero al mondo è avvenuto in Svezia e il Dr. Johannesson che è stato parte del trapianto di utero è andato in Texas per seguire il lavoro del Baylor: “Siamo molto orgogliosi di aver avuto la prima nascita in Svezia” ha detto al Time “Ma questa nascita è ciò che farà crescere le possibilità, perché si tratta della prima volta in cui viene replicata.”

Si tratta però di un processo molto costoso: si tratta di costi che si aggirano intono al mezzo milione di dollari. Come altri trattamenti per l’infertilità, è molto raro che le compagnie di assicurazione possano coprire la procedura. L’ospedale Baylor copre il costo dei primi 10 trapianti nella sperimentazione, ma il team medico sta cercando dei fondi da istituzioni e donatori privati per continuare. Il team spera che possa diventare un trattamento standard.

Per le ragazze che hanno una diagnosi di infertilità, non devono essere senza speranza” ha detto Kristin Posey Wallis, un’infermiera del reparto dove sono avvenuti i trapianti “C’è speranza”.

E voi unimamme cosa ne pensate? Intanto vi lasciamo con il post che parla di una gravidanza dopo trapianto ovarico. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta