Home Mamma & Co. Accade nel mondo Torrente Raganello: bambini tra i turisti vittime della piena (FOTO)

Torrente Raganello: bambini tra i turisti vittime della piena (FOTO)

CONDIVIDI

Salgono a 10 i morti tra gli escursionisti nelle gole del Raganello a Civita, nel Parco del Pollino, in provincia di Cosenza, dopo la piena di un torrente.

23 le persone recuperate dai soccorsi.

Il Parco del Pollino è famose per le sue grotte e i suoi canyon, essendo circostante il fiume e molte le persone che si recano qui per fare “torrentismo”, ossia la discesa a piedi del torrente tra gole e grotte.

Vigili del fuoco, carabinieri forestali, soccorso alpino e personale del 118 sono al lavoro alla ricerca dei dispersi e di altre vittime.

Si teme che diversi siano i bambini tra i dispersi, che secondo la Prefettura di Cosenza al momento risultano essere 5.

Il capo della protezione civile della Regione Calabria, Carlo Tansi, ha spiegato che “la difficoltà di avere un quadro chiaro di chi manca all’appello è dovuta al fatto che gli escursionisti erano in gruppi sparsi”. Le ricerche sono continuate per tutta la notte senza sosta da parte di vigili del fuoco, carabinieri forestali, corpo nazionale del soccorso alpino e personale del 118.

Nel frattempo è stata aperta un’inchiesta da parte della Procura di Castrovillari, Eugenio Facciolla, per accertare le responsabilità penali: “Dobbiamo verificare se le persone che si trovavano in quell’area erano consapevoli della situazione cui andavano incontro o, viceversa, se erano all’oscuro di quello che poteva accadere”, ha affermato al Tgcom 24.

Secondo le prime ricostruzioni, sono due i gruppi di escursionisti colpiti dalla piena, per un totale di 36 persone, provenienti da eBrescia, Bergamo, Milano, ed erano suddivisi in due gruppi di 18 persone. Visto che l’accesso al parco è libero, non è per il momento dato sapere se vi fossero altre persone presenti al momento del disastro.

Cosa aggiungere unimamme? I nostri pensieri alle famiglie delle vittime e dei dispersi, che speriamo vengano ritrovati sani e salvi.


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it